Tor Bella Monaca Tor Bella Monaca / Via dell'Archeologia

Guerra tra nigeriani: la faida si sposta da Roma a Padova. Arrestate 4 persone

Il 31 marzo a Tor Bella Monaca tentarono di uccidere un nigeriano a colpi di machete e poi sparirono. Ora sono stati arrestati tra Padova, Roma e Aversa

Una scia di sangue per il controllo del territorio. Efferate aggressioni a colpi di machete hanno lasciato tracce in tutta la Penisola. Dopo la brutale aggressione dello scorso 31 marzo che ha visto scontrarsi in via Acquaroni a colpi di machete 11 nigeriani implicati in una guerra tra bande per il controllo dei traffici illeciti sui territori i carabinieri della Compagnia di Frascati, con la collaborazione dei militari di Caserta e Padova, hanno arrestato 4 persone, tutti cittadini nigeriani di età compresa tra 26 e 41 anni, ritenuti i responsabili del brutale ed efferato tentato omicidio verificatosi a Tor Bella Monaca il 31 marzo scorso ai danni di un connazionale 31enne. Gli arrestati sono stati rintracciati a Padova, Aversa e Roma. Il gruppo criminale, composto anche da altri 7 soggetti che attualmente risultano fuori dal territorio nazionale, nella serata del 31 marzo scorso colpirono a colpi di spranghe e machete il connazionale, riducendolo in fin di vita. A seguito dell’aggressione, il successivo 3 aprile, l’altro gruppo rivale aggredì, sempre con armi tribali, un 25enne riducendo in fin di vita. A seguito dell’ultima aggressione, i Carabinieri arrestarono 11 cittadini nigeriani che si trovano tuttora in carcere.

FUGHE E SPOSTAMENTI: In considerazione dell’attenzione che i Carabinieri hanno rivolto al monitoraggio delle bande nigeriane, il gruppo responsabile dell’aggressione del 31 marzo ha deciso di far perdere le proprie tracce sparpagliandosi sul territorio nazionale o rientrando in Nigeria. Con non poche difficoltà legate all’assenza di domicilio ed all’estrema mobilità dei soggetti, i Carabinieri sono stati in grado di individuare i 4 nigeriani che avevano scelto di rimanere in Italia. Uno di questi, la scorsa settimana, a Padova, era rimasto a sua volta vittima di un’aggressione a colpi di machete ed è tuttora ricoverato in gravi condizioni all’Ospedale civile della città veneta; un altro, invece, è stato fermato a bordo di un treno proveniente da Roma e diretto a Padova, in possesso di oltre mezzo chilo di marijuana.

CONTROLLO DEL TERRITORIO:  Il timore di un prossimo riacutizzarsi degli scontri a colpi di machete, che si sono registrati anche a Padova, ove stava per recarsi anche uno dei nigeriani arrestati nell’operazione, rintracciato nella provincia di Caserta e ritenuto uno dei capi, ha indotto i Carabinieri a imprimere un’accelerazione alla richiesta e  all’esecuzione delle misure cautelari.
Alla base degli scontri tra bande si ritiene vi sia una lotta senza quartiere per il predominio sui traffici illeciti e il sequestro della marijuana, nonché l’arresto eseguito la scorsa settimana della latitante nigeriana condannata per spaccio, avvalorerebbe tale tesi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerra tra nigeriani: la faida si sposta da Roma a Padova. Arrestate 4 persone

RomaToday è in caricamento