rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Tor Bella Monaca Tor Bella Monaca

Guerra tra bande a colpi di machete: 2 gravissimi e 11 arresti

Tor Bella Monaca: tre persone aggredite in una probabile guerra tra bande. Due sono gravissimi, feriti a colpi di machete, bottiglie e catene. Undici persone arrestate per tentato omicidio

Una guerra tra bande per la spartizione del territorio nella gestione di traffici illeciti: potrebbe esserci questo alla base delle tre diverse aggressioni avvenute a Tor Bella Monaca a colpi di machete, bottiglie e catene.

Due nigeriani, aggrediti in momenti diversi, sono gravissimi. Uno è stato aggredito giovedì scorso, ma la notizia si è appresa solo ora, l'altro è stato ferito ieri verso le 12. La dinamica dell'episodio fa ipotizzare una spedizione punitiva. Gli aggressori hanno inseguito la vittima prima a bordo di auto, poi a piedi, raggiungendola in un vicolo cieco, dove l'hanno massacrata. Alcuni testimoni hanno assistito all'episodio. L'africano, di 25 anni, senza precedenti penali ma già noto alle forze dell'ordine, è stato portato all'ospedale di Tor Vergata dove è stato sottoposto a un intervento chirurgico. E', però, ancora in pericolo di vita. Giovedì scorso, ma la notizia si è appresa soltanto questa sera, nella stessa zona, un altro nigeriano, di 31 anni, era stato aggredito con analoghe modalità e ferito a colpi di arma da taglio: è anch'egli in gravissime condizioni, ricoverato nel Policlinico Tor Vergata. Secondo quanto si è appreso, in serata, una terza persona di colore sarebbe stata aggredita nella stessa zona. Le immediate indagini dei carabinieri hanno consentito, nella tarda serata di ieri, di identificare gli 11 cittadini nigeriani che dovranno rispondere di tentato omicidio aggravato in concorso. Sequestrati bastoni, una mazza da baseball, una catena, una mazza ferrata, un coltello e bottiglie dello stesso tipo rinvenute sul luogo dell'aggressione.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerra tra bande a colpi di machete: 2 gravissimi e 11 arresti

RomaToday è in caricamento