Tor Bella Monaca Tor Bella Monaca

Tor Bella Monaca come Scampia: giù i cancelli a protezione degli spacciatori

L'operazione ha visto impegnati 80 carabinieri, un elicottero, due squadre dei vigili del fuoco. Obiettivo abbattere muri e cancelli che ostacolavano i controlli delle forze dell'ordine contro lo spaccio di droga

Muri e cancelli a protezione degli spacciatori, per ostacolare i controlli delle forze dell'ordine. Sembra di raccontare una scena tipica di Scampia, il popolare quartiere di Napoli, noto come il principale supermercato di droga nel mondo. Siamo invece a Tor Bella Monaca, dove hanno seguito l'esempio degli spacciatori di Secondigliano ed hanno eretto muri e cancelli per ostacolare i controlli di polizia e carabinieri.

Questa mattina, nel corso di una straordinaria operazione anticrimine, quei muri e quei cancelli sono stati abbatuti. Per farlo sono intervenuti 80 carabinieri, un elicottero e due squadre dei vigili del fuoco.

Nei garage, nelle cantine e nelle zone comuni di molte abitazioni abitate da pregiudicati, le barriere, costruite abusivamente, ostacolavano le attività antidroga dei Carabinieri. Il Comune di Roma partecipa all'operazione con la presenza degli organismi preposti.

Sui cancelli e i muri abbattuti, e i muri abbatuti, sono stati ritrovati videocitofoni e sistemi di sicurezza avanzati.

I carabinieri del gruppo di Frascati hanno eseguito anche alcuni arresti e stanno effettuando perquisizioni nelle abitazioni dei pusher, in via dell'Archeologia, cuore di Tor Bella Monaca, per trovare droga ed armi. Finora è stato sequestrato un ingente quantitativo di stupefacente e del denaro contante, frutto dello spaccio.



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tor Bella Monaca come Scampia: giù i cancelli a protezione degli spacciatori

RomaToday è in caricamento