Torri Via di Villa Adriana

Striscia la Notizia a Villa Adriana: a Bombazza contro la discarica di Corcolle

Irruzione di Striscia la Notizia davanti la Villa dell'Imperatore per dire 'No' all'ipotesi del dopo Malagrotta. In centinaia con cartelli e striscioni per ribadire la propria contrarietà

Striscia la Notizia all'ingresso di Villa Adriana

Ogni strada possibile. Questa la poltiica che le migliaia di cittadini, comitati, associazioni e amministrazioni stanno portando avanti per fermare la possibile discarica di Corcolle - San Vittorino. Mobilitazioni contro l’ipotesi del Commissario Pecoraro che hanno portato questa mattina all’irruzione di una troupe di Striscia la Notizia che, ‘A Bombazza’, ha girato il servizio che andrà in onda nel tg satirico di Antonio Ricci il prossimo mercoledì. Arrivo di Vittorio Brumotti in sella alla sua mountain bike che è stato il pretesto per centinaia di cittadini per esprimere ancora una volta il loro ‘No’ alla discarica individuata nel versante prenestino di Roma. Erano infatti presenti molti dei movimenti e delle associazioni che da mesi stanno manifestando il loro dissenso all’ipotesi post Malagrotta. Tra questi il Comitato Rifuti Zero Corcolle, il Movimento No alle Discariche, l’associazione Villa Adriana Nostra, Legambiente Tivoli e cittadini e comitati di quartiere delle zone interessate al temuto olezzo.  

COMITATO CAPANELLE: Tra i tanti comitati di quartiere presenti anche quello di Capannelle, nel Comune di Tivoli, zona a ridosso della possibile discarica: “Siamo qui - le parole del presidente Carlo Schiavoni - perchè è assurdo posizionare una discarica a duecento metri dalle nostre abitazioni e a poco più dalla Villa di Adriano. In quest’area vengono ogni anno migliaia di turisti ed il nostro biglietto da visita non può e non deve essere l’olezzo della discarica

COMUNE TIVOLI: Tra i tanti cittadini anche l’assessore all’ambiente e alla cultura del Comune di Tivoli Riccardo Luciani: “Sono qui come cittadino e come amministratore comunale per ribadire il no del Comune di Tivoli alla sciagurata ipotesi. Ribadiamo quanto già votato con l'approvazione di un ordine del giorno votato all'unanimità nell'ultimo consiglio comunale per difendere i cittadini ed il nostro patriomio dall'immondizia. Siamo convinti che l’arte e la cultura ci salveranno da questo scempio. Questo è il quadrante del turismo e della cultura e non deve diventare quello dei rifiuti, già siamo strozzati da Rocca Cencia e l’Inviolata e non vogliamo un’altra discarica nel nostro territorio”.

LEGAMBIENTE TIVOLI: Ancora in piazza anche Legambiente Tivoli che attraverso il suo presidente Gianni Innocenti ribadisce: “Utilizziamo tutte le armi che abbiamo contro questa sopraffazione. Non si è parlato con nessuno, manca un piano rifiuti idoneo e in Regione si è solo nominato un Commissario straordinario che ha deciso dove mettere l'immondizia del dopo Malagrotta. Nessuna altra misura, se c’è l’urgenza il Commissario dovrebbe prendere altri provvedimenti come spingere tutti i Comuni a fare il porta a porta o cominciare a fare in questa Regione un discorso serio sulla produzione e  lo smaltimento dei rifiuti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Striscia la Notizia a Villa Adriana: a Bombazza contro la discarica di Corcolle

RomaToday è in caricamento