rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Torri Ponte di Nona

Dai rifiuti agli incendi: a Ponte di Nona e Colle degli Abeti è emergenza infinita

Cumuli di immondizia e sterpaglie a rischio, appello all'Ama e al Municipio all'indomani del rogo di via Marvelli: "Aree abbandonate, cittadini in pericolo"

Dai rifiuti in strada alle sterpaglie che diventano ulteriore bersaglio facile dei malintenzionati: non c’è pace per l’area che da Ponte di None si estende sino a Colle degli Abeti, in un crescendo di emergenze sempre più dettate dall’incuria e dall’abbandono. L’incendio scoppiato ieri pomeriggio a pochi metri dal caseggiato di via Marvelli è il segnale inequivocabile di una condizione non più procrastinabile, aggravata nelle ultime ore col ritorno del caldo africano che si è abbattuto sulla città. Nonostante i controlli promessi nei giorni scorsi dal Municipio VI, continuano ad accumularsi i rifiuti sversati illegalmente: in via Chiodelli, a pochi passi dagli asili nido di via Conti, in via Padre Giuseppe Petrilli, l’immondizia ormai straborda dai cassonetti, mentre proseguono tra mille difficoltà gli interventi dei compattatori Ama per cercare di liberare altre aree colpite. Il countdown istituzionale per l’apertura del nuovo sito per i rifiuti a Ponte Malnome non placa dunque il malcontento che si respira tra gli abitanti della zona. Se da una parte le segnalazioni sui gruppi Facebook dei comitati di quartiere vanno avanti, dall’altro c’è chi chiede – alla luce del rogo di via Marvelli – un immediato intervento da parte di Ama e parlamentino locale. Le richieste: dallo sfalcio immediato dell'erba secca della zona Colle degli Abeti alla bonifica dai rifiuti delle suddette aree verdi, passando per il completamento dei lavori di urbanizzazione primaria di strade per poter permettere ai mezzi di soccorso di intervenire. Una difficoltà notevole riscontrata anche dai pompieri ieri nelle adiacenze di via Marvelli. “Nelle more della realizzazione di questi interventi di ripristino degli standard minimi di sicurezza abitativa – si legge nella nota del comitato di quartiere Colle degli Abeti – rimaniamo in attesa di un confronto con l'Amministrazione del territorio, per l'individuazione di ulteriori interventi di più ampio respiro”. E ancora: “L'area verde in cui si è sviluppato l'incendio è abbandonata da mesi (anni?) dall'AMA che, non provvedendo allo sfalcio, mette a repentaglio la salute - ormai la vita - dei residenti. Pochi minuti ancora, e le fiamme avrebbero raggiunto le automobili parcheggiate e i giardini condominiali dove, ogni pomeriggio, giocano i bambini conclusa la scuola”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai rifiuti agli incendi: a Ponte di Nona e Colle degli Abeti è emergenza infinita

RomaToday è in caricamento