rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Ponte di Nona Settecamini / Via di Salone

Via di Salone sempre più strada della morte, l'appello dei comitati: "Sistematela!"

"La dinamica non è ancora chiara ma ciò che è chiaro è che questa strada è pericolosissima, buia e ridotta a un colabrodo a causa delle tantissime e profonde buche"

L'incidente mortale, avvenuto nella tarda serata di ieri, in via di Salone, ha riacceso i riflettori sulla pericolosità della strada. Un pericolo costante e quotidiano che nelle giornate di pioggia aumenta ancora di più. Manto stradale dissestato, buche profonde, oltre che il buio pesto di notte. Un insieme di elementi che crea un disagio vero e proprio ma anche un pericolo per automobilisti e motociclisti costretti a percorrere la strada. L'alternativa a via di Salone, infatti, è offerta dalla A24 che però costa ad un pendolare un 1,20 all'andata e 1,20 al ritorno. Da anni comitati di quartiere e associazioni lanciano appelli alle istituzioni per la messa in sicurezza della strada. L'ultimo giunge dai comitati di Colle degli Abeti e Nuova Ponte di Nona. 

Ancora in riferimento al tragico incidente che è costato la vita al motociclista Giuliano Mennoni, Federico Verdicchio, presidente del comitato di quartiere Colle degli Abeti, dichiara: "La dinamica non è ancora chiara ma ciò che è chiaro è che questa strada è pericolosissima, buia e ridotta a un colabrodo a causa delle tantissime e profonde buche".

Su quanto è stato fatto fino ad ora per sensibilizzare le istituzioni, Verdicchio prosegue: "Le segnalazioni dei cittadini e dei comitati di quartiere sono ormai infinite e non è più possibile tollerare una tale situazione di abbandono della cosa pubblica e della salute dei cittadini". Monta la rabbia, dunque, tra i residenti dei quartieri limitrofi a via di Salone. Infine, il presidente del comitato di Colle degli Abeti, tuona: "Sistemate al più presto quella strada e le altre disastrate nella zona del VI Municipio".

E tra le strade che necessitano manutenzione con carattere di urgenza, Verdicchio ne cita alcune: "Tra i casi più gravi, via Collatina, nel tratto compreso tra via di Salone e via dell'Acqua Vergine, via Caltagirone a Nuova Ponte di Nona, via Saliola, via delle Cerquete nel PdZ B4 Castelverde". Conclude: "Lo si faccia subito o chi ne ha la competenza costringa il Comune di Roma a farlo". 

All'appello di Federico Verdicchio si associa anche Bruno Foresti, presidente del comitato di quartiere Nuova Ponte di Nona che da tempo denuncia le condizioni di via di Salone: "Sono anni che aspettiamo interventi di messa in sicurezza di questa strada e sono anni che segnaliamo le condizioni precarie di una arteria che ci conduce al Gra, piena di buche, strettissima e senza illuminazione. Ma nulla è stato fatto". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via di Salone sempre più strada della morte, l'appello dei comitati: "Sistematela!"

RomaToday è in caricamento