Domenica, 17 Ottobre 2021
Ponte di Nona Ponte di Nona / Piazza Attilio Muggia

I ragazzi non possono uscire soli da scuola: monta la protesta dei genitori a Nuova Ponte di Nona

Continua la protesta dei genitori a piazza Muggia

E’ stato approvato nel novembre dello scorso anno il nuovo regolamento scolastico dell’Istituto “Peppino Impastato” di piazza Muggia a Nuova Ponte di Nona. Tra le novità, una in particolare: i bambini della scuola secondaria di primo grado (scuole medie) possono uscire da scuola solo se consegnati a un genitore o un delegato. Questo il punto 8 dell’articolo 28 del regolamento che è entrato in vigore, come da disposizione, per l’anno scolastico 2017/2018. E da due giorni qui a Ponte di Nona è montata la protesta dei genitori.

"I ragazzi impiegano cinque minuti per tornare a casa da soli"

“Solo nel mese di febbraio abbiamo appreso delle modifiche al regolamento e immediatamente abbiamo manifestato la nostra contrarietà”, hanno commentato alcuni dei genitori che da venerdì sono in protesta qui in piazza Muggia. “Abbiamo chiesto un confronto con la dirigenza scolastica ma non ci è stato mai accordato – hanno spiegato – abbiamo anche avviato una petizione, firmata da oltre 150 famiglie”. Qui gli alunni delle classi medie sono 488 e “circa il 2% proviene dai quartieri vicini, per tornare a casa i nostri figli impiegherebbero non più di cinque minuti” hanno aggiunto i genitori.

La protesta dei genitori

Venerdì pomeriggio, alle ore 14.00, i genitori dei ragazzi che frequentano le medie della “Peppino Impastato” si sono presentati qui, davanti alla scuola, ma fuori dai cancelli e non sono entrati a riprendere i ragazzi. Insieme a loro, nello spiazzale anche la polizia. Una protesta che è durata circa un’ora fino a quando i professori che si trovavano all’interno della scuola hanno iniziato a consegnare i ragazzi alle mamme e ai papà che individuavano tra la folla. Nella giornata di lunedì, 18 settembre, la storia si è ripetuta. Anche questa volta i genitori, che non accennano ad abbandonare la battaglia, si sono presentati dinanzi ai cancelli e lo rifaranno ancora, fino a quando non otterranno ciò che chiedono.

Le richieste dei genitori

La campanella di uscita suona alle ore 14.00, un orario in cui la maggior parte dei genitori si trova al lavoro o, seppur di ritorno verso casa, non così vicino da essere a Nuova Ponte di Nona. “Quasi tutti lavoriamo anche di pomeriggio – hanno spiegato i genitori – come facciamo ad essere qui per quando escono i ragazzi da scuola?”. E così le richieste: “Chiediamo il ritiro della norma, o quantomeno una modifica, o ancora l’applicazione della norma solo per i nuovi iscritti”. Infine i genitori hanno aggiunto: “La preside ha fatto presente che, oltre l’orario scolastico, c’è un post scuola effettuato da una cooperativa del posto, un servizio a pagamento che però non prevede ne la mensa, ne l’aiuto compiti, ne altro, insomma i nostri figli dovrebbero stare a scuola, sorvegliati, fino a quando non arriva un genitore, è assurdo”.

“Il vociare dei ragazzi per il quartiere è bello”

Sono arrabbiati i genitori della scuola “Peppino Impastato” perché per loro non è possibile tornare a riprendere i propri figli. Ma sono arrabbiati anche perché “è bello vedere i ragazzi che all’uscita da scuola si fermano a prendere un pezzo di pizza tutti insieme, a commentare la partita della sera precedente, per loro è un’occasione di crescita, di aggregazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I ragazzi non possono uscire soli da scuola: monta la protesta dei genitori a Nuova Ponte di Nona

RomaToday è in caricamento