Mercoledì, 23 Giugno 2021
Ponte di Nona Ponte di Nona / Via Luigi Gastinelli

Scuola Ponte di Nona, Scorzoni: "Siamo tornati agli anni '70"

Il capogruppo Pd in Municipio VIII incalza la maggioranza: "Problema esploso in via Gastinelli, doppi turni per gli studenti"

Un problema che sarebbe esploso con l'inizio del nuovo anno scolastico, ad annunciarlo il capogruppo Pd in Municipio VIII Fabrizio Scorzoni: "Come avevamo drasticamente profetizzato qualche tempo fa, il problema delle scuole elementari dell'VIII Municipio sta drammaticamente esplodendo. La scuola elementare di via Gastinelli, nel nuovo quartiere di Ponte di Nona, ha annunciato questa mattina all'ufficio municipale Arredi che il nuovo anno scolastico sarà avviato con i doppi turni per i bambini, chiedendo al municipio anche un doppio servizio di trasporto pubblico, inclusa una corsa serale per riportare i bambini a casa".

DOPPI TURNI - Capogruppo dei Democratici in opposizione che elenca i disagi dopo l'annuncio della direttrice scolastica che si è trovata ad indire i doppi turni a causa della mancanza di arredi per le classi di nuova istituzione che coinvolgono più di 200 bambini. "Questa situazione produrrà disagi inimmaginabili per l'organizzazione delle famiglie, che dovranno ripensare la loro vita in funzione di un orario scolastico pomeridiano dei figli - incalza Scorzoni -. A questo già enorme problema, si aggiungeranno gli effetti che produrrà la delibera di giunta numero 49, votata da Lorenzotti e dall'inquisito D'Angelo, che dimunisce ulteriormente i servizi erogati ai bambini diversamente abili. Mente prima, infatti, vi era un'educatrice ogni 3 bambini con disabilità, ora ve ne sarà una ogni 4".

ANNI '70 - Fabrizio Scorzoni che conclude usando l'ironia: "Questa città sta tornando agli anni '70 che per molti versi è stata un'epoca mitica, ma non di certo per i servizi scolastici e alle persone. Alemanno è riuscito anche in questo! Aspettiamo con ansia la prossima decisione del Sindaco, che chiederà alle famiglie di comprare, per l'istruzione obbligatoria dei propri figli, oltre allo zainetto, anche la sedia con il banco. Non si può dire che la città stia arretrando, poichè dietro di noi ormai vediamo solo il precipizio".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola Ponte di Nona, Scorzoni: "Siamo tornati agli anni '70"

RomaToday è in caricamento