Martedì, 26 Ottobre 2021
Ponte di Nona Settecamini / Via di Salone

Campo rom di via di Salone: le proposte della Commissione Servizi Sociali

Presidiare il territorio, richiedere al Comune di Roma di dimezzare i numeri della struttura e superare il concetto di villaggio attrezzato. "La situazione rischia di diventare esplosiva", ha specificato Grasso (Pd)

Il campo rom di via di Salone è stato oggetto, questa mattina, di discussione in Commissione Servizi Sociali e Sanità, alla presenta dei comitati di quartiere “Nuova Ponte di Nona” e “Colle degli Abeti” e del comandante del VI Gruppo della Polizia municipale Bracci.

“Abbiamo avanzato come Commissione alcune proposte – ha affermato Daniele Grasso(Pd), presidente dell’organo istituzionale –. La prima è a breve termine:  vogliamo presidiare il territorio per prevenire gli accumuli di rifiuti e controllare camioncini attraverso posti di blocco. A medio termine, abbiamo intenzione di richiedere al Comune di dimezzare i rom nel campo: questa soluzione è sostenuta anche dal comandante del VI Gruppo Bracci, che ha ribadito le difficoltà generali in cui opera la Polizia municipale, che comportano dispendio di uomini ed energie. A lungo termine infine, vogliamo superare il concetto di ‘villaggio attrezzato’: il M5S e Lista Civica Marino partono dal presupposto che i campi costano alcune decine di milioni di euro all’anno e che quindi sarebbe opportuno  dare ai rom una casa. Sono d’accordo se parliamo di una graduatoria, ma non condivido se parliamo di una soluzione ’speciale’. daniele-grasso-2

Vorremmo instaurare anche un dialogo con le comunità rom del campo. Ci avevano chiesto di realizzare un piccolo mercato, in quanto sembra che i roghi costituiscano la loro unica fonte di reddito. Con la Commissione Commercio verificheremo l’esistenza di un’area idonea e valuteremo anche altre possibilità. Vogliamo lavorare sui settori della sicurezza, salute, prevenzione e sull’aspetto sociale. Abbiamo intenzione di creare inoltre un tavolo come avviene nel V Municipio sul campo di villa Gordiani, che comprenda Municipale, Municipio, associazioni, comunità e tecnici per fare periodicamente il punto sulla situazione. Sembra che questo strumento in V Municipio aiuti a far accettare maggiormente le regole ai rom della struttura. Convocheremo prossimamente altre Commissioni chiedendo la partecipazione delle Forze dell’ordine, dei comitati e dei rappresentanti del campo rom di via di Salone. 
La situazione rischia di diventare esplosiva: oltre ai roghi infatti, negli ultimi giorni un ragazzo rom ha lanciato alcuni sassi contro una vettura che percorreva via di Salone”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campo rom di via di Salone: le proposte della Commissione Servizi Sociali

RomaToday è in caricamento