Ponte di Nona Ponte di Nona / Via Lascari

Prato Fiorito: intorno al polifunzionale (mai aperto) è cresciuta una giungla

Nei prossimi giorni una commissione trasparenza tenterà di fare luce sulle motivazioni della chiusura

Giardino polifunzionale Prato Fiorito

Erba alta oltre un metro (ormai secca) e arbusti. Benvenuti all’interno del giardino del polifunzionale ultimato cinque anni fa e mai aperto, passato alla storia come ‘una cattedrale nel deserto’. Siamo a Prato Fiorito, estrema periferia est della città, da tempo il Consorzio Acru ne chiede l’apertura per renderlo al servizio della cittadinanza. Già perché in quartiere non sono presenti altri centri di aggregazione ma uscire dal limbo burocratico, a Prato Fiorito, sembra un’impresa impossibile.

L’immobile, in via Lascari, è stato vandalizzato più volte con numerosi tentativi di occupazione. Acru, che l’ha costruito come opera a scomputo, ha sottolineato la sua importanza anche durante l’epidemia di Covid19 perché avrebbe potuto essere utilizzato come spazio scolastico. Intanto, nonostante siano state soddisfatte le richieste dell’amministrazione, la struttura continua a rimanere chiusa.

Non solo “A breve verranno a staccare anche le utenze che attivate faticosamente” ha spiegato al nostro giornale Fabiana Battistoni, Pd del sesto municipio. Per il 9 luglio è stata calendarizzata una commissione trasparenza affiché si faccia luce sulle motivazioni che ancora non consentono l’apertura del polifunzionale. Nelle stesse condizioni, anche il polifunzionale di Villa Verde: ultimato e mai consegnato alla cittadinanza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prato Fiorito: intorno al polifunzionale (mai aperto) è cresciuta una giungla

RomaToday è in caricamento