menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

VI Municipio: quadrante est, nuove aperture tra asili nido e scuole dell'infanzia

L'assessore capitolino alla Scuola Cattoi ha presentato, la scorsa settimana, il piano 2014/2015, che prevede un investimento di 4,5 milioni di euro. Nella lista c'è anche la struttura di via Luigi Crocco, a Ponte di Nona

Implementare i servizi delle strutture comunali e ridurre le liste d’attesa: questo l’obiettivo del nuovo piano di aperture di asili nido e scuole dell’infanzia presentato giovedì scorso dall’assessore alla Scuola di Roma Capitale, Alessandra Cattoi. Per gli asili nido si tratterà di nuove aperture a gestione diretta, della trasformazione a gestione diretta dei nidi in concessione e di nuove aperture a gestione indiretta. Per le scuole dell’infanzia invece, verranno inaugurate nuove strutture comunali e statali. Per questo piano di aperture di asili nido e scuole dell’infanzia è previsto un investimento pari a circa 4,5 milioni di euro.

LE APERTURE SUL QUADRANTE EST- In VI Municipio verranno aperti nuovi asili nido a gestione indiretta o in convenzione in via Montagano, a Villaggio Prenestino-Fosso dell’Osa (69 posti) e a via Luigi Crocco, a Ponte di Nona (69 posti). In merito alle scuole dell’infanzia, ci sarà l’apertura a via Paternò a Borghesiana (80 posti), a via Prampolini (60 posti) a Ponte di Nona e una nuova scuola statale a via Rosciano (100 posti), a Castelverde. A settembre, tempi tecnici permettendo, dovrebbe aprire il nido di via Crocco, prevista dalla convenzione urbanistica M2 Lunghezza- Ponte di Nona e finanziata come opera a scomputo. È in corso la fase di finitura e di collaudo e in seguito sarà realizzato un minibando.

QUOTE CONTRIBUTIVE - Le quote contributive non aumentano per le famiglie (sono ferme dal 2000) e vengono tutte calcolate in base all’indicatore ISEE. Anche la quota contributiva per il terzo figlio viene calcolata in base all’indicatore ISEE. È prevista una riduzione del 30% per chi ha due o più figli nello stesso asilo nido. Le fasce più deboli sono esentate dal pagamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento