Ponte di Nona Settecamini / Via di Salone

Bambino rom non può frequentare scuola: la famiglia fa ricorso al Comune

Una famiglia rom che abita nel campo di Salone, l'associazione 21 luglio e l'Asgi hanno presentato ricorso contro il Comune per aver impedito al bambino una regolare frequenza scolastica

Un famiglia nomade del villaggio di via Salone, l'associazione 21 luglio e l'Asgi (associazione studi giuridici sull'immigrazione) hanno presentato ricorso contro il Comune di Roma perchè un bambino, a causa dei trasporti inadeguati, non riusciva a frequentare la scuola dove era iscritto. L' associazione 21 luglio spiega che il trasferimento due anni fa dal campo Casilino 900 ha impedito ai bambini rom una regolare frequenza scolastica a causa dell'inadeguato servizio di trasporto e della distanza dalle scuole.

"Ravvisando un comportamento oggettivamente discriminatorio da parte del comune di Roma, i ricorrenti chiedono di accertare e dichiarare il carattere discriminatorio del comportamento del Comune di Roma, di rimuovere gli effetti e di condannare il Comune a risarcire il danno determinato suggerendo la somma di 1000 euro al giorno a decorrere dalla prima settimana di febbraio 2010, data del trasferimento nel villaggio attrezzato di via Salone", riferiscono dall'associazione 21 luglio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambino rom non può frequentare scuola: la famiglia fa ricorso al Comune

RomaToday è in caricamento