menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Campo di via di Salone: fumi nocivi, la Commissione UE chiederà chiarimenti all'Italia

Il Commissario all'Ambiente Janez Potočnik ha risposto all'interrogazione che la vicepresidente del Parlamento europeo Angelilli aveva presentato sulla combustione illegale di rifiuti negli insediamenti abusivi di Roma

“La Commissione europea sottoporrà la questione alle autorità italiane competenti”: così ha risposto il Commissario all’Ambiente Janez Poto?nik all’interrogazione che la vicepresidente del Parlamento europeo, Roberta Angelilli, aveva presentato a fine gennaio in merito alla combustione illegale di rifiuti negli insediamenti abusivi di Roma. Nell’atto dell’europarlamentare spiccava anche il campo rom di via di Salone.

“La Commissione verificherà infatti se l’assenza di controlli adeguati ed efficaci di tali attività costituisca una violazione delle disposizioni della direttiva sui rifiuti – ha spiegato Roberta Angelilli –. Inoltre Poto?nik ricorda che gli Stati membri devono adottare tutte le misure necessarie per garantire che la gestione dei rifiuti sia effettuata in modo da non mettere a repentaglio la salute umana né pregiudicare l'ambiente”.

“Negli insediamenti abusivi o nei campi nomadi non autorizzati si bruciano illegalmente materiali tossici e rifiuti, come plastica, oro rosso, ferro, anche per recuperare il materiale vendibile come, ad esempio, il rame contenuto all’interno dei cavi elettrici, ma anche qualsiasi altro tipo di rifiuto, speciale o altamente pericoloso di varia provenienza – si legge nell’interrogazione dell’europarlamentare Angelilli –.  Si creano di fatto discariche abusive dove si pratica la combustione illegale di rifiuti che produce fumo nero e denso, irrespirabile, che costringe i cittadini romani a barricarsi in casa”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento