Domenica, 26 Settembre 2021
Ponte di Nona Colle Prenestino / Via Prenestina, 1220

Colle Prenestino, il pedone investito muore dopo una settimana: la famiglia dona gli organi

E' morto Fulvio Ubaldi, il 50enne investito sulla via Prenestina lo scorso 26 maggio. Il comitato di quartiere esprime cordoglio e ribadisce l'importanza di mettere in sicurezza il tratto di strada

Non ce l'ha fatta Fulvio Ubaldi, il 50enne investito nella sera di giovedì 26 maggio in via Prenestina al civico 1220. Al cordoglio per la morte dell'uomo si aggiunge inevitabilmente l'indignazione e la rabbia del comitato di quartiere Colle Prenestino: "E' arrivato il momento che qualcuno si metta le mani sulla coscienza". 

L'INVESTIMENTO - L'uomo è stato travolto in pieno da un'auto mentre attraversava sulle strisce pedonali in via Prenestina, all'altezza del civico 1220, nei pressi della farmacia di zona. Una volta sopraggiunti i soccorsi, l'uomo che era in compagnia di altre due persone, è stato trasportato al Policlinico di Tor Vergata. Qui è rimasto in prognosi riservata fino al decesso avvenuto intorno alle ore 13.00 di mercoledì. La famiglia ha donato gli organi. 

L'INDIGNAZIONE - "E' giunto il momento che qualcuno si metta le mani sulla coscienza - commenta Pasquale Gallinelli, presidente del comitato di quartiere Colle Prenestino - da un anno è mezzo chiediamo l'installazione di un segnale luminoso per l'attraversamento pedonale". La pericolosità di questo tratto di strada, dunque, è ben noto a residenti e comitato, diverse infatti le richieste per interventi volti alla sicurezza di pedoni e automobilisti. "Tutte le nostre richieste sono certificate dal bisogno oggettivo della cittadinanza, un epilogo del genere fa rabbia e tristezza, l'intero quartiere si stringe al dolore della famiglia  - conclude Gallinelli e intanto promette - Non appena sarà insediata la nuova giunta inizieremo a battere i pugni sui tavoli affinchè ci ascoltino". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colle Prenestino, il pedone investito muore dopo una settimana: la famiglia dona gli organi

RomaToday è in caricamento