rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Via Puglisi: discarica e roghi tossici nella terra di nessuno. Gli abitanti: "Pronti a fare da soli"

"Ormai i roghi tossici ce li fanno sotto casa", commenta Francesco Caputo mentre con il suo telefonino riprende l’ennesimo incendio di rifiuti, intorno alle 21 di domenica 12 marzo, nella discarica abusiva di via Puglisi. Strada mai completata e che avrebbe dovuto rappresentare una parte dell’asse interquartiere, in grado di collegare Colle degli Abeti a Villaggio Falcone da una parte, Ponte di Nona dall’altra. 

Invece è rimasta così. Chiusa, senza illuminazione né controllo. Una terra di nessuno dove si può trovare davvero di tutto: pezzi di auto, materiale edile, materassi, mobili, frigoriferi, Ed eternit. Molte le onduline di amianto in parte andate a fuoco negli ultimi incendi.

"Siamo stanchi - continua Caputo, residente a Colle degli Abeti dal 2009 e padre di due bambine - ormai da tempo abbiamo iniziato a fare una specie di ronda serale con l'unico scopo di beccare questi delinquenti sul fatto e avvisare tempestivamente le forze dell'ordine". Perché gli stessi cittadini sanno che se non vengono colti in fragranza, gli agenti possono fare poco entro i piromani. Anche se questo rappresenta un pericolo. Che soluzioni? "Aprire questa benedetta strada", sottolinea un altro abitante di zona, Luigi Fabbriani.

Si parla di

Video popolari

Via Puglisi: discarica e roghi tossici nella terra di nessuno. Gli abitanti: "Pronti a fare da soli"

RomaToday è in caricamento