Ponte di Nona Ponte di Nona / Via Piero Corti

Il bar Doppiaesse ha rinunciato alle slot: "Qui non troverete mai nulla che riguardi il gioco"

Stefano Precetti, proprietario del bar Doppiaesse di via Piero Corti, ci ha raccontato perché ha rinunciato alle slot machine all'interno del suo locale

“Qui non troverete mai nulla che riguardi il gioco”. Ha esordito così Stefano, proprietario del bar Doppiaesse di via Piero Corti nel quartiere Colle degli Abeti del Municipio Roma VI. Una scelta etica che ha reso virtuoso il suo bar. “La mia compagna, Stefania, ed io abbiamo aperto il bar tre anni fa, da qui anche la scelta del nome Doppiaesse per indicare appunto i proprietari”.

Stefano e Stefania hanno deciso di non vendere nulla che riguardi il gioco: “Non solo non ci sono slot machine ma non abbiamo nemmeno il gioco del lotto o i gratta e vinci”. Prese di posizione che negli ultimi tempi si stanno diffondendo tra vari quartieri del Municipio. Dopo il bar Bio Torre di Tor Bella Monaca e Bar Angel di Torre Spaccata ecco un altro bar virtuoso, il bar Doppiaesse appunto.

Come mai dunque la scelta di escludere il gioco d’azzardo dal locale? “Ho lavorato per anni in un bar del centro città che non aveva macchinette – ha spiegato Stefano – ho dunque ereditato questo filosofia”. A questo ha aggiunto: “Con il gioco non ha mai vinto nessuno, non voglio che nel mio locale la gente si rovini la vita”. Ecco quindi la tipologia di clientela che frequenta il bar di via Corti: “Il nostro locale è frequentato da famiglie, bambini, che possono godere di un ambiente sano e pulito, è questa la nostra più grande soddisfazione”.
Il locale di Stefano e Stefania è aperto tutti i giorni dalle ore 5.30 del mattino alle ore 20.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bar Doppiaesse ha rinunciato alle slot: "Qui non troverete mai nulla che riguardi il gioco"

RomaToday è in caricamento