Torri Via di San Vittorino

Mibac su discarica Corcolle, Nanni: “Scempio favorito da mutismo”

Il consigliere del Partito Democratico in Campidoglio accoglie positivamente il parere negativo del Ministero dei Beni Culturali sulla scelta del versante est della città: "Roma a rischio come Napoli"

Un parere negativo accolto positivamente. Il vice presidente Pd della Commissione Urbanistica del Comune di Roma Dario Nanni commenta la mozione del Consiglio Superiore del Mibac per salvaguardare il sito Unesco di Villa Adriana dalla possibile discarica di Corcolle - San Vittorino: “Il Consiglio Superiore per i beni culturali e paesaggistici ha comunicato a Comune, Regione Lazio e Commissario delegato per il superamento dell'emergenza ambientale nel territorio della  il parere negativo a consentire la collocazione di una discarica a Corcolle - San Vittorino. Il motivo è chiaro: la discarica è lesiva di un patrimonio culturale e paesaggistico a valenza universale, annoverato tra i siti Unesco e come tale oggetto di un accordo internazionale che obbliga lo Stato italiano alla tutela e alla conservazione”.

SILENZIO ASSENSO: Consigliere d’opposizione in Aula Giulio Cesare che tira in ballo il presidente della Regione Lazio Renata Polverini ed il sindaco di Roma Gianni Alemanno 'puntandogli contro il dito': “Per chiunque sarebbero sufficienti queste poche righe per una rapida marcia indietro. Invece come nuovi emuli del Mullah Omar Polverini e Alemanno tacciono mettendo a rischio la sopravvivenza di quei luoghi e le preesistenze storiche e archeologiche come avvenuto per i Buddha di Bamiyan. Vorrebbero far credere che la vicenda non è di loro competenza ma di pertinenza esclusiva del Commissario all'emergenza rifiuti”.

ROMA COME NAPOLI: Dario Nanni che paragona la situazione dell’immondizia romana a quelle della regione Campania citando i rischi idrogeologichi che la scelta del Commissario Straordinario Giuseppe Pecoraro potrebbe compromettere: “Mentre loro tacciono la situazione si aggrava con il rischio di una emergenza simile a quella di Napoli dove il caos 'monnezza' a permesso soprattutto ai clan camorristi di fare buoni affari con uno sperpero miliardario di denaro pubblico. Su Corcolle oltre ai rilievi del Mibac sussistono anche problemi relativi al rischio di compromissione del sistema idrogeologico del bacino dell'Aniene e l'inaccessibilità viaria dell'area individuata raggiunta da una stradina di campagna sulla quale giornalmente dovrebbero transitare centinaia di mezzi pesanti”.

CARTE SCOPERTE: Membro della Commissione Cultura in Campidoglio che invita la Polverini e Alemanno a prendere una posizione decisa concludendo: “Insistere su questa ipotesi impraticabile significa prendere in giro i romani, sapendo che la scelta è pressochè impraticabile, significa non voler risolvere i problemi o peggio sostenere interessi poco trasparenti. La governatrice Polverini alias Mullah Omar e il suo braccio destro Pilatomanno dicano chiaramente quali sono le loro opinioni e facciano valere gli interessi del territorio sulle mire di gruppi non meglio identificati che rischiano di far piombare Roma nell'incubo vissuto di recente dal capoluogo partenopeo".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mibac su discarica Corcolle, Nanni: “Scempio favorito da mutismo”

RomaToday è in caricamento