Torri Via Prenestina Polense Km 18

Protesta discarica, Di Cosimo (Pdl): “Sindaco contrariato della scelta”

Presente al sit in di ieri contro la discarica a Corcolle - San Vittorino il consigliere comunale ribadisce: "Ripartire il problema tra la città. Qui c'è già Rocca Cencia"

Corcolle: sit in Movimento No alle Discarche di via Polense

Possiamo solo convincere il Prefetto a tornare sui suoi passi”. Così Marco Di Cosimo spiega quanto il Comune di Roma può fare in relazione alla scelta del Commissario Speciale Giuseppe Pecoraro di localizzare nel territorio di San Vittorino - Corcolle la cosiddetta Malagrotta bis. Consigliere Pdl in Campidoglio che durante il sit in promosso ieri dal Movimento No alle Discariche ribadisce la sua contrarietà alla scelta periferia est: “Sono qui perchè penso che la scelta non sia intelligente. Sono un convinto sostenitore che tutti i territori debbano contribuire ai problemi della città. Anche il nostro Municipio lo deve fare. Ma il ragionamento che ne discerne è che noi stiamo già contribuendo da decenni con l’impianto di trattamento rifiuti di Rocca Cencia. Questa di Corcolle - San Vittorino è una soluzione voluta dal Prefetto, perchè queste cose non passano nè in consiglio comunale nè in quello municipale. In VIII Municipio abbiamo già dato e stiamo dando con Rocca Cencia non mi sembra giusto nei confronti degli altri territori della città che il versante prenestino sopporti per tutti gli altri il peso del problema dei rifiuti a Roma.
 

COSA FARE:Dobbiamo convincere il Prefetto che questa è una scelta sbagliata - prosegue il consigliere Pdl in Campidolgio -  farlo ritornare sulle sue decisioni ed individuare altri siti che siano compatibili con il problema dei rifiuti in città. Le procedure speciali portano con loro poteri speciali tanto che non c’è nessun atto nè dell’amministrazione comunale nè di quella municipale che dica che questa è una localizzazione giusta. Da questo punto di vista possiamo fare atti di intenti ma ritengo più opportuno cercare di ragionare con chi ha preso questa decisione cercando di farlo tornare indietro. Spiegargli che questa non è una scelta confacente per un territorio che è già penalizzato, cercando di farlo tornare sulle sue decisioni”.

SINDACO CONTRARIATO: Consigliere Di Cosimo che non nasconde l’amarezza del sindaco Alemanno soprattutto alla luce delle dichiarazioni rilasciate dallo stesso lo scorso settembre in un incontro tenutosi a Castelverde, dove il primo cittadino rassicurava i cittadini che non ci sarebbero state discariche dallo stesso tavolo dove era seduto Marco Di Cosimo: “Il Sindaco Alemanno è molto contrariato. Anche a seguito di quello che ha detto, avete visto le registrazioni. Il Sindaco è persona intelligente e se 15 giorni fa ha detto che non ci sarebbe stata nessuna discarica è perchè era sicuro che non ci sarebbe stata. Quando si è parlato all’inizio di questa discarica c’era uno studio su 6, 7 possibili siti a Roma, ma oltre quello non c’era niente, a parte la contrarietà di qualunque sito.15 giorni fa eravamo a questo, questo era il pensiero del Sindaco, c’era uno studio e questo dimostra che è stato scavalcato dalla sua affermazione altrimenti non le avrebbe rilasciate pubblicamente. Un decreto di emergenza rifiuti dà al Prefetto dei poteri straordinari e speciali che ovviamente vanno in deroga a qualsiasi aspetto, anche della Legislazione vigente”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta discarica, Di Cosimo (Pdl): “Sindaco contrariato della scelta”

RomaToday è in caricamento