TorriToday

Colle Prenestino e la sicurezza stradale che non c'è: "Da tempo protestiamo, ma nessuno ci ascolta"

Strisce pedonali, trasferimento (di pochi metri) delle fermate autobus e il ripristino dell'illuminazione: le richieste di Colle Prenestino per garantire maggiore sicurezza ai residenti

Immagine di archivio

“Chiediamo da tempo una maggiore sicurezza in strada ma fino ad oggi non c’è stato nessun intervento”. Siamo a Colle Prenestino, uno dei tanti quartieri della periferia Est della città che rientra nel territorio del Municipio Roma VI. Da anni il comitato di quartiere si batte per la messa in sicurezza della via consolare che costeggia il quartiere, via Prenestina che in passato è stata anche scenario di incidenti mortali. L’ultimo nell’ottobre del 2017 quando una donna ha perso la vita durante l’attraversamento stradale perché investita da un’auto.

Il tratto interessato è collocato non distante dal cosiddetto “incrocio delle quattro strade” che unisce via di Torrenova, via dell’Acqua Vergine e via Prenestina, appunto. Dopo alcune richieste di rifacimento dell’incrocio stesso cadute nel vuoto, il comitato ha concentrato tutte le attenzioni su alcune caratteristiche, variazioni che migliorerebbero la vita dei residenti e la renderebbero senz’altro più sicura. 

“Durante una riunione con l’assessorato ai lavori pubblici e alla mobilità nel novembre del 2017 – ha spiegato ai nostri taccuini Giuseppe Lanzillotta, presidente del comitato di quartiere Colle Prenestino – abbiamo chiesto di spostare le fermate dell’autobus di qualche metro su via Prenestina sia in direzione Roma che fuori Roma ma non abbiamo ottenuto nessun riscontro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle loro richieste, tutte cadute nel vuoto, anche il rifacimento delle strisce pedonali e il ripristino dell’illuminazione pubblica in questo tratto di strada. “L’autobus sosta in corsia per effettuare la fermata – ha concluso Lanzillotta – e questo crea una mole di traffico incredibile, le auto poi per arginare il traffico si riversano anche nelle vie interne del quartiere mettendo in pericolo la sicurezza dei pedoni e dei bambini che frequentano le vicine scuole”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento