rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Castelverde Castelverde / Via Massa di San Giuliano

Profanato il cimitero di San Vittorino, fotografie e peluche gettati nella spazzatura

Nella notte tra mercoledì e giovedì, ignoti si sono introdotti all'interno del camposanto e hanno profonato le tombe. Sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia di Tivoli

Peluche e fotografie rimossi dalle tombe e gettati nei cestini dei rifiuti. E’ successo nella notte tra mercoledì e giovedì all’interno del cimitero di San Vittorino, nella periferia Est della città, poco distante dal quartiere Castelverde. Qui, ignoti, si sono introdotti all’interno del camposanto e hanno messo in atto una vera e propria profanazione dei loculi rubando oggetti posizionati sulle tombe dai familiari dei defunti e buttandoli nella spazzatura.

Non è la prima volta che il cimitero di San Vittorino è balzato agli onori della cronaca. Risale allo scorso anno l’ultima denuncia da parte del comitato di quartiere Castelverde che durante il mese di giugno aveva commentato: “Roma ha dimenticato anche i suoi morti”. Il camposanto di San Vittorino, infatti, versa in una condizione di assoluto degrado. Il cimitero del Municipio Roma VI delle Torri è annoverato tra gli otto cimiteri della città definiti "minori", insieme a Ostia Antica, Isola Farnese, Castel di Guido, Cesano, Maccarese, S. Maria del Carmine-Parrocchietta, S. Maria di Galeria. Come tutti gli altri, anche questo quindi è gestito dall'azienda Ama a cui è stato affidato dal Comune di Roma.

Il luogo non è dotato di sistemi di videosorveglianza e su quella che potrebbe essere considerata a tutti gli effetti una “bravata” sono in corso le indagini da parte dei carabinieri della compagnia di Tivoli, comandati dal capitano Marco Beraldo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profanato il cimitero di San Vittorino, fotografie e peluche gettati nella spazzatura

RomaToday è in caricamento