TorriToday

Corcolle, tensione alle stelle: cittadini bloccano la via Polense

Duecentocinquanta, trecento persone hanno bloccato la strada dove il giorno prima è stato preso d'assalto il bus 042. Sul posto la polizia

Tensione a Corcolle (foto facebook W.Mastrangeli)

Tensione alle stelle a Corcolle. Dopo l'assalto al bus 042 avvenuto nella serata di sabato, i cittadini hanno deciso di scendere in strada. Obiettivo della 'rivolta' il centro d'accoglienza della zona, causa, secondo i residenti, dei problemi di sicurezza della zona. Duecentocinquanta, trecento persone hanno bloccato la via Polense. E' accaduto proprio nelle ore in cui 24 ore prima Elisa, autista dello 042, veniva aggredita da 30 - 40 persone. La classica goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Tanta anche la solidarietà nei confronti dell'autista aggredita nella serata di sabato.

Sul posto sono intervenute numerose pattuglie del commissariato Casilino che hanno evitato che la situazione degenerasse ed hanno sbloccato il traffico, bloccato per quasi un'ora, con ripercussioni soprattutto sulla Prenestina.

SITUAZIONE INSANABILE - Netta la presa di posizione del Municipio VI che ha invitato Comune e Prefettura a smantellare il centro di accoglienza di Corcolle: "Da lì devono essere trasferiti, non c’è altra soluzione - afferma l’assessore Valter Mastrangeli interpellato da RomaToday. - La situazione è insanabile, i residenti hanno paura di una rappresaglia. Paura. La giunta Scipioni - aggiunge  l’Assessore - ha già manifestato a suo tempo la netta contrarietà a nuovi centri di accoglienza in questo territorio. Purtroppo i fatti di questi giorni hanno confermato i nostri timori". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PERIFERIE IN RIVOLTA - Corcolle è solo l'ultimo quartiere a scendere in piazza. L'area di Roma est è infatti una pentola a pressione che sta esplodendo settimana dopo settimana, mese dopo mese. A Luglio Pigneto e Torre Angela i due focolai più importanti, con blocchi sulla Casilina, per protestare rispettivamente contro lo spaccio e contro il progetto del centro d'accoglienza. A inizio settembre è stata Torpignattara a rivoltarsi. Blocchi sulla Casilina e proteste contro il Campidoglio, prima di arrivare ai fatti di questi giorni, con l'omicidio di villa De Sanctis e la rissa finita in omicidio alla Marranella. E proprio la sicurezza è l'obiettivo del movimento #torpignanoncista. Oggi Corcolle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento