Lunedì, 15 Luglio 2024
Castelverde Castelverde / Via Polense

Lavori misteriosi a due passi da villa Adriana. La soprintendenza ferma lo scempio

La Soprintendenza ha chiesto lo stop dei lavori al KM 24 di via Polense

Container adibiti a spogliatoi, vasche con impermeabilizzazione e alcune costruzioni. Siamo al km 24 di via Polense, all’altezza del quartiere Corcolle, poco distante da Villa Adriana, antica dimora dell’imperatore e nei pressi dell’acquedotto dell’Acqua Marcia. E’ proprio qui, in questo preciso punto che sono stati avviati dei lavori, svolti prevalentemente di notte: lo stesso punto destinato a diventare discarica già nel 2012. Un intento non andato a buon fine grazie alla tenacia battagliera dei cittadini e dei comitati. Questa volta, insieme a loro, anche la soprintendenza ha battuto i pugni sul tavolo e ha chiesto, e ottenuto lo stop ai lavori. 

Lo “stop” della soprintendenza

“Di queste attività di movimento terra non è stato dato alcun avviso alla Soprintendenza, malgrado la zona sia gravata da vincolo paesaggistico, e sia di grande interesse storico viste le importanti presenze archeologiche e monumentali” hanno sottolineato dagli uffici della soprintendenza. E in ricordo di battaglie pregresse la soprintendenza ha aggiunto: “Nel 2012 la Soprintendenza, assieme ad altre istituzioni pubbliche, si era attivata per contrastare e bloccare la creazione in questa stessa area di una discarica all’interno di una cava di pozzolana abbandonata - Pertanto è stata chiesta la immediata sospensione degli attuali lavori nella zona, in attesa del parere di competenza di questa Soprintendenza, nel rispetto della normativa vigente per la tutela e conservazione del patrimonio storico e archeologico di questo territorio”.

La battaglia “senza fine” dei cittadini

E in prima linea in difesa del parco e contro la formazione di nuove discariche c’è ancora una volta Andrea De Carolis, ex assessore della giunta Romanella, che dismessi i panni di delegato ai lavori pubblici è tornato in difesa dei siti e del parco di Gabii: “La sospensione dei lavori nel sito di Corcolle-Villa Adriana, già destinato a discarica, dal duo polverini-pecoraro nel 2012, dimostra come la società civile, i cittadini possano ancora agire in difesa della propria terra, vincendo”. Un terreno che fa gola da tempo: “Il Comitato Salviamo Villa Adriana, con il Comitato Spontaneo Cittadini via Polense, che hanno già nel passato bloccato gli infausti progetti sullo stesso posto e nella ex Cava dell'Osa, continuano la lotta insieme a tutte le associazioni internazionali – ha spiegato De Carolis che nel dettaglio ha continuano - In particolare rilevano tra i molti motivi ostativi assoluti, anche come il Piano Territoriale Paesistico Regionale, vieti sul luogo qualunque discarica e la tavola di PRG di Roma n. G95 0 7 della pericolosità e vulnerabilità Geologica, ponga condizioni insuperabili”. Infine De Carolis ha annunciato: “Continua l'azione dei cittadini fino alla salvaguardia dei luoghi con l'istituzione della riserva M.A.B. UNESCO dell'Agro Romano e con la dovuta chiusura immediata del distretto industriale dei rifiuti di Gabii Rocca Cencia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori misteriosi a due passi da villa Adriana. La soprintendenza ferma lo scempio
RomaToday è in caricamento