TorriToday

A Castelverde è emergenza scuole, il comitato: "Abbiamo bisogno di un nuovo istituto comprensivo"

L'esiguo numero di strutture scolastiche non garantisce la frequenza ai ragazzi che risiedono nel quartiere e nemmeno ai vicini provenienti da Lunghezzina

Torna l'emergenza scuola nel quartiere Castelverde a causa del carente numero delle strutture: poche scuole e tanti studenti. Così, il comitato di quartiere lancia un grido d'allarme e chiede alle istituzioni interventi rapidi proprio in virtù delle iscrizioni per l'anno scolastico 2016/2017: "Abbiamo bisogno di un nuovo istituto ma le nostre richieste restano inascoltate".

Durante lo scorso mese di marzo, alcune mamme del quartiere Castelverde si erano incatenate davanti i cancelli della scuola di via Massa San Giuliano perché a causa dell'esiguo numero di classi, 71 bambini erano stati esclusi dalla graduatoria. A quell'evento seguirono diversi incontri tra l'allora amministrazione Scipioni, i genitori, il comitato e la dirigenza scolastica che portarono ad un nuovo progetto. Così, nel successivo mese di agosto furono realizzati i lavori all'interno dell'istituto comprensivo Castelverde per "trasferire" gli uffici della segreteria e della preside all'interno dell'ex casa del custode e ricavare così le tre aule necessarie per accogliere tutti i bambini. 

A seguito di quello che si può definire un intervento tampone per fronteggiare l'emergenza, il problema legato alla carenza delle strutture scolastiche resta. Così il comitato di quartiere Castelverde è già al lavoro per chiedere alle istituzioni interventi risolutivi. Diverse, fino ad ora infatti, le richieste partite dal comitato e indirizzate agli organi di riferimento. 

"Qui gli edifici scolastici non sono sufficienti per accogliere i ragazzi del quartiere - spiega Isabella Frangella, presidente del comitato di quartiere - inoltre si aggiungono anche gli studenti provenienti da Lunghezzina perché lì non ci sono servizi". E anticipa: "Molte famiglie di Castelverde si vedranno negare l'iscrizione alla scuola dell'obbligo ai propri figli per l'anno scolastico 2016-2017". Aggiunge: "Inoltre è presente una scuola materna in via Cesare Saldini, completata ma priva d'entrata, di parcheggio e di fognature, assegnata dal dipartimento scuole ma non si riescono a reperire i soldi per ultimarla". Da qui quindi l'appello alle istituzioni comunali e municipali: "E' necessario intervenire immediatamente anche modalità emergenziali - conclude - abbiamo bisogno di un nuovo istituto comprensivo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento