menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Isola ecologica - Immagine di archivio

Isola ecologica - Immagine di archivio

Municipio VI, l’isola ecologica a Corcolle accende la polemica: inizia la campagna elettorale alle Torri

L’area scelta è via Ripatransone. Fratelli d’Italia avvia una raccolta firme, il Pd insorge: “A dicembre hanno votato a favore del sito, cosa è cambiato da quel giorno?”

L’isola ecologica di via Ripatransone accende la polemica alle Torri (a scoppio ritardato) e apre ufficialmente la campagna elettorale al sesto municipio. Già perché la decisione di destinare parte dell’area a centro di raccolta è stata presa già lo scorso anno quando sia in commissione ambiente che in consiglio municipale è stato dato parere positivo alla delibera capitolina (che poi sarebbe arrivata in aula Giulio Cesare). E mentre Fratelli d’Italia avvia una raccolta firme (seguito a ruota dalla Lega) per chiedere al Municipio di rivedere la decisione, il Partito democratico grida alla fantascienza. Nel mezzo il Movimento Cinque Stelle che si dice stupito di quanto sta accadendo e prova a spiegare la bontà del progetto.

La delibera passa dal Comune ai municipi e torna in aula Giulio Cesare

Proviamo a fare chiarezza. A novembre dello scorso anno, la commissione congiunta ambiente e urbanistica del Comune di Roma ha votato con parere favorevole la delibera in cui venivano elencate le nuove aree destinate ad accogliere isole ecologiche in città. L’elenco conta tra i nuovi siti anche Passolombardo (via dei Palosci) e Corcolle (via Ripatransone). Il documento, prima di essere votato in aula Giulio Cesare passa ai municipi e così a dicembre viene chiesto un parere sulla delibera sia in commissione ambiente che in consiglio. In entrambe le occasioni tutte le forze politiche votano a favore, tranne il Pd che si astiene.

centri-raccolta-ama-2-2

Approvate 17 isole ecologiche

Poco prima del voto, abbiamo raccolto la posizione di cittadini e realtà di quartiere: tutti d’accordo a realizzare un’isola ecologica ma per via Ripatransone avevano altri progetti. Tra questi l’edificazione di un centro polifunzionale che potesse essere un luogo di aggregazione in periferia. La delibera però viene approvata al sesto municipio e, dopo aver raccolto anche i pareri di altri municipi, torna a essere discussa in aula Giulio Cesare dove, con la nuova approvazione, vengono ufficializzate 17 isole ecologicheQUI L’ELENCO

La petizione di Fratelli d’Italia e Lega

Sabato (27 marzo) a distanza di poche ore vengono avviate due petizioni: una di Fratelli d’Italia, l’altra della Lega. La richiesta di entrambe è la medesima: invitare il municipio a rivedere la locazione dell’isola ecologica di Corcolle. “Non chiediamo nulla di particolare, ma quello che vogliono i cittadini: ovvero trovare un’area alternativa a via Ripatransone” ha detto Nicola Franco, capogruppo Fdi del sesto. Il partito di Giorgia Meloni, ha dato però parere favorevole alla delibera durante la votazione di dicembre. Perché? “Perché noi non siamo contrari alle isole ecologiche e perché la delibera elencava molti altri siti. Quello del PD è un attacco strumentale, strano che provenga da una forza di opposizione” ha concluso Franco.

Pd: "Si parla di quella strada da tempo, perché svegliarsi ora?"

Il Partito democratico però non ci sta: “In quella occasione ci siamo astenuti proprio perché si parlava di Corcolle e per quel quartiere sono necessari altri interventi, non siamo contrati alle isole ecologiche ma non nel centro abitato in quel particolare contesto urbanistico. Fratelli d’Italia ha votato favorevole all’isola ecologica di via Ripatransone a dicembre, perché il sito era presente nell’elenco della delibera - ha detto Fabrizio Compagnone, capogruppo dem – Non solo, non hanno neanche seguito il consiglio perché Corcolle è stato durante la discussione chiarita la posizione, dal sottoscritto. Si parla di quella strada da tempo, perché si sono svegliati ora?”.

M5s: "Strano avviare una raccolta firme ora dopo tutte le discussioni già fatte"

Sulla questione è intervenuto anche il Movimento Cinque Stelle che si è detto stupito da tali polemiche. “Ci suona strano che si sia avviata questa raccolta firme. I cittadini ci hanno sempre chiesto di considerare Corcolle per le isole ecologiche perché è un quartiere oggettivamente più penalizzato e secondo il piano regolatore solo due aree erano fattibili: via Ripatransone e lo spazio adiacente la chiesa” ha spiegato Fabrizio Tassi, presidente della commissione ambiente. “Via Lunano – come suggerito – E’ fuori mano e non verrebbe utilizzato”. Ha aggiunto “Denigrare questa iniziativa ci sembra strumentale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento