TorriToday

Via Casilina come una pista per auto da corsa: Finocchio chiede più sicurezza

Tante le richieste di incontro che l’associazione di quartiere “Queffe” ha inviato al Municipio, fino ad ora cadute nel vuoto

Via Casilina è diventata una pista per le auto, i pedoni non hanno sicurezza”. A parlare ai nostri taccuini è Claudio Santoni, presidente dell’associazione di quartiere “Queffe” di Finocchio. Da tempo i residenti chiedono che le strade vengano messe in sicurezza, a cominciare dall’installazione dai segnalatori luminosi, per finire con la costruzione di marciapiedi. 

I cittadini chiedono dispositivi elettronici e marciapiedi

La pericolosità della strada consolare che taglia trasversalmente il quartiere Finocchio è nota, negli anni diversi sono stati gli incidenti stradali anche con esito molto tragico. Su via Casilina, ormai, attraversare in sicurezza resta un’utopia. Per questa ragione, “Queffe” ha chiesto più volte un incontro in municipio per discutere della problematica perché oltre all’installazione già avvenuta dei segnalatori all’altezza della fermata metro Finocchio, l’associazione chiede gli stessi dispositivi vengano posizionati anche all’altezza della parrocchia e in prossimità della scuola. “In tal modo i ragazzi che attraversano la strada possono sentirsi più sicure, perché le strisce pedonali nonostante ci siano sono deteriorate e poco efficienti”. Urgente anche la necessità di costruire un marciapiedi su via Fontana Candida: “Incredibile, lungo strada non è presente nessun marciapiedi, come può muoversi una mamma con un passeggino?” ha continuato Santoni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Richieste di incontro cadute nel vuoto

Sono tante le richieste che l’associazione di quartiere vorrebbe porre all’attenzione del Municipio se solo venisse convocata. Già perché fino ad ora nonostante le lettere inviate e i solleciti a seguire, nessun inviato è stato recapitato ai residenti. “I locali dell’ex centro anziani di via Massa Silani potrebbero diventare una sede distaccata dell’ufficio anagrafico di viale Cambellotti, o un presidio di poliambulatorio – ha continuato Santoni per concludere – Vorremmo instaurare un dialogo con l’amministrazione per esporre tutte le nostre problematiche”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento