Martedì, 19 Ottobre 2021
Borghesiana Finocchio / Via Massa Silani

Il casaletto di Collina della Pace sarà di tutti, lo ha deciso il Tar

I locali erano stati assegnati con affidamento diretto al centro anziani "Pierini Emilio" durante la giunta Scipioni

Il tribunale amministrativo regionale si è espresso: il casaletto di Collina della Pace (Finocchio) sarà destinato a tutte le associazioni che operano sul territorio e sarà uno spazio 0-99, rigettando di fatto il ricorso presentato dal centro anziani “Pierini Emilio”. 

Dall'affidamento diretto al ricorso al Tar 

La storia dei locali viene da lontano e risale alla giunta Scipioni. In quel periodo il casaletto, che una delibera comunale del 2007 voleva destinato a uno spazio 0-99, è stato affidato al centro anziani “Pierini Emilio” situato fino a quel momento in un’altra struttura, in via Massa Silani. Con il trasferimento dei “nonni” a Collina della Pace (bene confiscato alla mafia e restaurato) inizia un braccio di ferro estenuante tra gli “occupanti” e la giunta Romanella fatto di proteste e ricorsi, al Tar come al Consiglio di Stato. Nei giorni scorsi (il 21 marzo) l’ultima sentenza: “E’ la delibera comunale n.583 del 2007 a destinare l’uso del casaletto alle associazioni del territorio attraverso un percorso di partecipazione iniziato già nel 2002” ha commentato Giancarlo Colella, presidente della commissione patrimonio alle Torri (M5s). 

Lo spazio 0-99 destinato alle associazioni del territorio

“Attualmente il centro anziani non ha un presidente in carica perché il mandato è scaduto e le elezioni devono essere svolte presso la struttura di via Massa Silani – ha continuato Colella – in quella occasione avverrà il trasferimento e mostreremo loro anche in lavori di riqualificazione e di messa in sicurezza che abbiamo effettuato durante la loro assenza”. Come e da chi sarà gestito adesso lo spazio a Collina della Pace di Finocchio? “Pensiamo, con molta probabilità, ad una manifestazione di interesse destinata alle associazioni del territorio così da individuare un capofila che possa fare da referente per l’organizzazione e il calendario delle attività”. Colella ha anche voluto precisare: “Uno spazio 0-99 significa, appunto, destinato a tutti, ciò non vuol dire che gli anziani non siano compresi”. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il casaletto di Collina della Pace sarà di tutti, lo ha deciso il Tar

RomaToday è in caricamento