TorriToday

Il Tar boccia il ricorso del centro anziani: a Collina della Pace vince la giunta Romanella

A commentare la sentenza del Tar il presidente del Municipio Roberto Romanella

Una storia lunga e travagliata quella che vede protagonisti da un lato gli anziani del centro Pierini Emilio e dall’altro la giunta Romanella e che inizia durante l’era Scipioni alle Torri. In quegli anni infatti i locali di Collina della Pace sono stati affidati al centro anziani che si trovava invece in una struttura di via Massa Silani, di dimensioni più ridotte e con una struttura fatiscente. Il trasferimento nei nuovi locali è stato, per gli anziani del quartiere, un momento importante che ha visto aumentare anche la partecipazione popolare. Intanto però i locali della struttura di Collina della Pace erano stati destinati a diventare uno spazioZero99 che abbracciasse diverse fasce d’età, compresa quella degli anziani.

La delibera della giunta Romanella per annullare la delibera della giunta Scipioni

Nel marzo dello scorso anno, quindi, è stata votata dal consiglio del municipio delle torri una delibera che ha annullato di fatti la delibera con cui l’ex minisindaco Scipioni aveva affidato i locali. Da quel momento, marzo 2017, è iniziato un vero e proprio braccio di ferro tra le due parti: gli anziani anche supportati da una parte dell’opposizione hanno fatto sentire le loro ragioni, alzato la voce, annunciato dimissioni e barricate compreso il ricorso al Tar. E il tribunale regionale si è espresso con un rigetto rispetto alla loro richiesta. 

"I ricorrenti conoscevano bene la destinazione originaria dei locali"

E’ il presidente del Municipio Roberto Romanella a puntualizzare attraverso la sua pagina FB: “Il TAR Lazio il 9 marzo si è pronunciato con un rigetto sulla domanda cautelare presentata dai componenti del centro anziani di via Massa Silani attualmente occupanti i locali di Collina della Pace”. Sulla genesi del ricorso ha quindi puntualizzato: “È lo stesso TAR a prendere atto che i ricorrenti conoscevano bene la destinazione originaria dei locali, che, come ormai tutti sappiamo, non era certamente quella di centro anziani, bensì, semplificando, quella di un centro polivalente a disposizione dell’intera cittadinanza, prescindendo dall’età anagrafica”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La domanda cautelare è infondata"

Infine ha concluso: “Pertanto la domanda cautelare non solo non ha gli elementi per sembrare fondata, ma anzi è esattamente il contrario: appare sicuramente infondata. Risulta a questo punto chiara l’illegittima occupazione a tutt’oggi perpetrata da un ristretto gruppo di cittadini, che si è voluto finora appropriare di un un bene pubblico ai danni dell’intera collettività”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento