Torri Via Casilina, 1400

Metro C: viaggio in VIII Municipio ma senza Giunta Lorenzotti

Regione, Provincia, Comune ed Europa. Tutti assieme sulla linea ferrata da Grotte Celoni a Pantano-Monte Compatri. Ma di politici della Circoscrizione delle Torri neanche l'ombra

Grotte Celoni: partenza della Metro C

Si sono dati 'appuntamento' tra Grotte Celoni e Bolognetta per poi riunirsi al Deposito di Graniti ed enunciare lo stato dell'arte della Linea C della nuova metropolitana di Roma. Viaggio in carrozza che ieri è partito in pieno VIII Municipio, poco prima dell'ingresso di Tor Bella Monaca sulla via Casilina, per poi trasportare la cerchia ristretta di passeggeri sino al capolinea, condiviso a metà dalla Circoscrizione delle Torri (Pantano) ed il Comune di Monte Compatri. Una tratta che negli ultimi chilometri taglia completamente il Municipio 8 attraversandolo quasi parallelo alla via Casilina da Torre Spaccata a Pantano, fermando in 13 stazioni territoriali (oltre alle citate si aggiungono Torre Maura, Giardinetti, Torrenova, Torre Angela, Grotte Celoni, Due Leoni - Fontana Candida, Borghesiana, Bolognetta, Finocchio, Graniti ed il capolinea condiviso con il Comune dei Castelli Romani).

SENZA GIUNTA LORENZOTTI - Grandi infrastrutture e nuova viabilità che interessano da vicino i residenti delle Torri alle prese sotto le loro case con i lavori iniziati il 20 giugno 2008 e che si protrarranno (almeno nella prima tratta sino al Parco di Centocelle) sino alla fine di questo 2012. Un giro per testare i treni driverless che ha visto in carrozza le istituzioni di tutte le amministrazioni interessate con Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione Europea e commissario europeo per l'Industria e l'Imprenditoria, Antonello Aurigemma, assessore alla Mobilità di Roma Capitale, Chiara Colosimo, Consigliere Regione Lazio e Presidente regionale della Giovane Italia con sede a Roma, Antonio Pallone vicecoordinatore del Pdl Lazio, Mario De Carolis, sindaco di Monte Compatri, e molti altri tra istituzioni, tecnici e responsabili di Roma Metropolitane. Tra loro un'assenza abbastanza percepibile, quella di un rappresentante dellVIII Municipio governato dal presidente Pdl Massimiliano Lorenzotti. Un viaggio in territorio che probabilmente qualcuno avrà già fatto, o magari desiderava fare. Resta da comprendere se l'assenza sia stata dettata da difficoltà a trovare un rappresentante del governo dell'VIII Municipio libero qualche ora per fare un giro in Metro C o da una mancata comunicazione di quanto stava avvenendo. Due ipotesi alle quali se ne potrebbero aggiungere altre, resta certo solamente il 'vuoto istituzionale' di ieri.

METRO C - Progetto e costruzione della Linea C iniziato il 15 febbraio 2005, quando Roma Metropolitane srl indice la gara per l'affidamento al Contraente Generale della progettazione e realizzazione della Linea C della metropolitana di Roma. Il 26 febbraio successivo l'aggiudicazione della gara all'ATI composta da Astaldi spa, Vianini Lavori spa, Consorzio Cooperative Costruzioni, Ansaldo Trasporti Sistemi Ferroviari spa che a norma di legge  (D.Lgs 190/2002) costituiscono il 3 aprile 2006 la Società di Progetto Metro C scpa. Il 13 aprile la firma del verbale di inizio attività con le indagini e la progettazione ed il 12 ottobre 2006 la firma del contratto tra Roma Metropolitane e Metro C scpa. Un tracciato di 25,6 chilometri con 30 stazioni che dovranno collegare Pantano - Monte Compatri a Clodio - Mazzini. Ma se per la tratta T3 (da San Giovanni a Fori Imperiali - Colosseo) bisognerà attendere ancora un pò per l'altro tratto, tra Parco di Centocelle ed il capolinea dell'VIII Municipio l'attesa, secondo Roma Metropolitane, dovrebbe terminare entro la fine di quest'anno. Primo tratto che andrà in fase di preesercizio con le stazioni che si dovranno collegare con San Giovanni in fase avanzata di costruzione (nel caso del capolinea) ed in completamento della ristutturazione ed adegumanento impiantisco delle esistenti stazioni di superficie.

SCAVO GALLERIE - Scavo delle gallerie con il TBM (Tunnel Boring Machine) che ha avuto inizio il 20 giugno 2008 per il binario pari e il 23 settembre 2008 per quello dispari, a partire dall'imbocco Torrenova, in direzione Pozzo 5.4. A distanza di un anno è iniziata l'attività di altre due TBM dal Pozzo Malatesta in direzione del Pozzo 5.4. Con l'inizio degli scavi per il binario dispari il 23 giugno 2009 e di quello pari il 9 settembre successivo. Talpe meccaniche estratte dal Pozzo 5.4 e montate al Pozzo di Malatesta da dove hanno iniziato a scavare in direzione San Giovanni il 20 settembre ed il 26 ottobre 2010 per raggiungerla il 27 maggio e l'8 giugno.

CINQUE ANNI DAI LAVORI - Lavori che spiega nel dettaglio Roma Metropolitane: "Lo stato di avanzamento complessivo della prima Tratta da Monte Compatri - Pantano a San Giovanni a tre anni dall'apertura dei cantieri è dell'85%". Lavori che hanno portato alla costruzione del deposito con Dirigenza Centrale Operativa che si estende per 217mila mq in zona Graniti, sulla via Casilina, che rappresenta "il cuore operativo e tecnologico della nuova linea metropolitana di Roma ed è stato realizzato sulla base degli standard previsti dal Sistema di Automazione Integrale".

TRENI DRIVERLESS - Linea C della metropolitana che sarà servita da 13 treni (di cui 12 già sui binari ed un tredicesimo in arrivo), dotati di due belvedere (anteriore e posteriore) e 6 carrozze ciascuno intercomunicanti. Convogli che potranno trasportare 1200 persone, climatizzati e dotati di un sistema di informazioni audio-video ai passeggeri e di videosorveglianza. Possibilità di trasporto per i portatori di handicap e delle biciclette. Convogli realizzati negli stabilimenti Ansaldo Breda di Reggio Calabria convogliati nel deposito di Graniti. Treni che saranno gestiti al 90% in maniera automatica con a bordo la presenza di Agenti Itineranti con funzioni di sorveglianza ed assistenza ai passeggeri, in grado di compiere interventi a bordo in caso di necessità.  
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metro C: viaggio in VIII Municipio ma senza Giunta Lorenzotti

RomaToday è in caricamento