Domenica, 13 Giugno 2021
Altre Torre Gaia

Torre Gaia, disabile al 100% sfrattato dal padre e dalla zia: "Grazie papà"

Questa l'incredibile storia di Giovanni: il tribunale ha stabilito che il padre deve mantenerlo, ma questi cede tutto alla sorella che si prende la casa

Foto de Il Messaggero

Sfrattato dal padre: questo è quanto accaduto a Giovanni, un ragazzo di 32 anni disabile al 100% e bloccato da sempre su una carrozzella.
L'incredibile storia è raccontata da Il Messaggero che riporta la notizia. A Torre Gaia, quanto accade in quell'appartamento lo sanno in molti, anche solo per lo striscione che la mamma e la sorella gemella hanno appeso fuori dalla casa e su una sopraelevata della Casilina con su scritto: “Grazie papà, grazie zia che mi buttate fuori casa”.

La questione, come riporta il quotidiano, è tutta familiare: Giovanni dovrebbe ricevere dal padre 1.300 al mese per molti anni, secondo quanta stabilito da un giudice. Invece, il padre per evitare un pignoramento che l'avrebbe obbligato a mantenere il figlio, si sarebbe disfatto di tutti i suoi averi, arrivando anche a vendere alla sorella la casa, un tempo coniugale, di Torre Gaia, dove vive il figlio disabile. La zia ha rivendicato la disponibilità dell'immobile con la conseguenza che Giovanni rimane senza casa nonostante ci siano delle sentenze che rivendicano i suoi diritti.

Come quella del 27 febbraio scorso che condanna per inadempimento ad un ordine del giudice per il padre e la zia, vengono condannati rispettivamente a un anno e dieci mesi e a otto mesi di reclusione. E a risarcire Giovanni, la gemella, e la madre. Il primo per 180mila euro, l’altra di 60mila euro. I soldi non arrivano, ma lo sfratto sì. Perché i due imputati, si legge in sentenza, si erano "precipitati a stipulare il rogito per la vendita della casa dopo tre anni dal preliminare, e solamente quattro giorni dopo la notifica a Mario Fisichella dell’atto di pignoramento". Ancora la sentenza: "La parte civile ha definito abietta la condotta del papà che non concedeva ai propri familiari neanche le briciole del proprio patrimonio. E le circostanze sopra evidenziate danno certezza di tale tipologia di condotta».
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torre Gaia, disabile al 100% sfrattato dal padre e dalla zia: "Grazie papà"

RomaToday è in caricamento