Venerdì, 30 Luglio 2021
Altre Torre Spaccata / Viale dei Romanisti

Viale Romanisti off limits per i pedoni: ecco le richieste dei residenti

Il progetto per la messa in sicurezza della strada, approvato dalla giunta Alemanno, non è mai andato giù agli abitanti di Torre Spaccata che ne hanno ottenuto la revisione. Il CdQ: "Siamo fiduciosi"

Un’autostrada urbana che taglia in due il quartiere. Il progetto per la messa in sicurezza di viale dei Romanisti, approvato dalla giunta Alemanno, non  è mai andato giù agli abitanti di Torre Spaccata che lo hanno osteggiato fin fa subito. Pochi impianti semaforici, attraversamenti pedonali pericolosi, auto che sfrecciano facendo la barba ai marciapiedi. 

Oggi la revisione di quel progetto, rimasto peraltro incompiuto, sembra più vicina anche grazie all’impegno del comitato di quartiere che negli ultimi mesi ha fatto da tramite tra residenti e istituzioni. "Siamo in attesa che il dipartimento mobilità ci mandi le bozze nuovo progetto - ci ha spiegato il Presidente del CdQ Daniele Eleuteri - ma siamo fiduciosi. Abbiamo sollevato delle questioni di buonsenso i cui costi dovrebbero essere alla portata dell’amministrazione".

I problemi, come dicevamo, riguardano soprattutto la sicurezza dei pedoni. I lavori effettuati hanno portato alla chiusura di molte strade che intersecavano viale dei Romanisti, rendendo quest’ultima, di fatto, un’arteria ad alto scorrimento che spacca in due il quartiere. "Il vecchio progetto era stato fatto seguendo una semplice direttiva: rendere la strada più sicura impedendo il passaggio dei pedoni. Ma è una soluzione che non possiamo accettare perché umilia le esigenze dei residenti. Qui abitano mamme che devono portare i figli a scuola, anziani che si recano in Chiesa o al mercato etc".

Secondo il comitato per migliorare la situazione sarebbero sufficienti pochi interventi mirati: la realizzazione di una rotatoria in via Pietro Romano, la possibilità di fare inversione a 'u' in via Martellotti e in via Cassioli e controlli rigorosi sui limiti di velocità. Attualmente, a causa della presenza di dossi, in alcuni punti vige il limite dei 30 km/h "che però nessuno rispetta", argomenta Eleuteri. "Se nessuno controlla le limitazioni non hanno efficacia - spiega - c’è bisogno di un controllo costante da parte dei Vigili o in alternativa dell’installazione di dissuasori". 

Un altro punto piuttosto pericoloso, rincara Eleuteri, "è l'incrocio tra via di Torre Spaccata e viale dei Romanisti dove servirebbe urgentemente una rotatoria... lì succedono incidenti un giorno sì e l'altro pure, anche se si tratta quasi sempre di tamponamenti". Gli interventi proposti dal comitato dovrebbero avere come conseguenze una complessiva riorganizzazione della viabilità nel quadrante, "anche in vista dell'apertura della seconda tratta della metro C - conclude il comitato - che renderà il traffico ancora più congestionato". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viale Romanisti off limits per i pedoni: ecco le richieste dei residenti

RomaToday è in caricamento