Sabato, 19 Giugno 2021
Altre Via di Salone

Controlli dei carabinieri al campo di Salone: sequestrati quattro furgoni

I militari verificano la situazione di 68 persone di cui 15 agli arresti domiciliari. Due le denunce

Ancora controlli al campo nomadi di via di Salone. Dopo il blitz dello scorso giugno in cui vennero rinvenuti 400mila euro in titoli  intestati ad un uomo di nazionalità bosniaca, e 30mila euro in contanti, a verificare la legalità in uno degli insediamenti più grandi di Roma ci hanno pensato i carabinieri della compagnia di Tivoli con venti militari che hanno effettuato un capillare controllo dei numerosi containers presenti all'interno, procedendo all'identificazione di oltre 40 stranieri di etnia slava e romena.

CONTROLLI AI CONTAINERS - I militari hanno proceduto anche al controllo delle persone sottoposte a misure restrittive (arresti domiciliari e detenzione domiciliare) nel campo, durante il quale è stata trovata una donna colpita da un ordine di carcerazione. Quest’ultima, insieme al compagno controllato perché detenuto in regime di arresti domiciliari, è stata così trasportata alla casa circondariale di Roma Rebibbia.

CARABINIERI SPERONATI - Il blitz svolto dai Carabinieri di Tivoli dimostra come l'Arma mantenga costantemente elevato il livello di attenzione nei confronti delle comunità nomadi della zona tiburtina. E’ di ieri notte l’episodio che ha visto una donna, proprio del campo nomadi di via di Salone, a bordo di un furgone rubato, speronare un’autovettura dell’Arma per evitare il controllo in via del Fosso dell'Osa a Villlaggio Prenestino.

SEQUESTRO FURGONI - Quattro furgoni parcheggiati all’interno del campo sono stati posti sotto sequestro perché sprovvisti di copertura assicurativa; i tagliandi esposti erano fasulli. Sono stati controllati complessivamente 43 veicoli, 68 persone di cui 15 sottoposti alla misura coercitiva degli arresti domiciliari. Tale attività di monitoraggio consente di identificare e controllare numerosi stranieri, per la maggior parte romeni, di cui alcuni gravati da precedenti penali e per i quali sono già state avanzate al Perfetto, con esito positivo, le relative proposte di allontanamento dal territorio nazionale, ai sensi del Decreto Legislativo n. 32 del 28 febbraio 2008.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli dei carabinieri al campo di Salone: sequestrati quattro furgoni

RomaToday è in caricamento