TiburtinoToday

Settecamini: il quartiere diventa una discarica tra ingombranti e richieste inascoltate

Dalla rampa di accesso della A24 fino a via del Tecnopolo. Manca anche lo sfalcio dell’erba

Discarica A24 - foto di Marco Caruso

Sedie, elettrodomestici e stendini per il bucato ma anche vetro, plastica, materiali edili di risulta e divani. Siamo a Settecamini, quartiere del IV Municipio dove nei pressi della rampa di accesso alla tangenziale A24 si sono formate, ormai da tempo, vere e proprie discariche a cielo aperto. “Insieme ai cittadini segnaliamo la presenza di rifiuti ma non è stato effettuato nessun intervento fino ad ora” ha commentato Marco Caruso, presidente di Associazione Parco Tibur.

Il degrado a Settecamini porta anche un altro nome, oltre quello delle discariche a cielo aperto: lo sfalcio mancato. Già perché “Da mesi chiediamo che venga tagliata l’erba su via del Tecnopolo ma non anche in questo caso le nostre istanze restano lettera morta” ha puntualizzato Caruso. E così l’abbandono delle istituzioni, a Settecamini, diventa concreto.

E intanto, dal comitato ‘Settecamini e dintorni’: “Abbiamo segnalato la presenza di discariche a chiunque, perfino all’Autostrada dei parchi ma ci hanno riferito che è competenza municipale – ha spiegato Michela Esposito del comitato sottolineando inoltre – Il municipio non è intervenuto per sanare l’area e la zona di notte è completamente al buio, questo rende ancora più facile lo scarico dei rifiuti. Cos’altro dobbiamo fare? Rimuoverli da soli?”.

rifiuti-settecamini-01-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

  • Zona arancione, oggi si decide per Roma e il Lazio: i romani dovranno abituarsi a nuove regole

Torna su
RomaToday è in caricamento