TiburtinoToday

Settecamini e il centro culturale dimenticato: chiuso dal 2016, la sua riapertura è ancora in alto mare

Chiuso dal dicembre del 2016. Nel 2018 ha chiuso anche il centro sportivo Caruso e i residenti restano orfani di spazi di aggregazione

Immagine di archivio

Mancano pochi mesi per spegnere la terza candelina e festeggiare così il terzo anno di chiusura. Il centro culturale di Settecamini è ormai inutilizzato da dicembre 2016 e le speranze di vederlo tornare “in auge” si affievoliscono sempre di più. Almeno per ora. Già perché nonostante le ripetute segnalazioni e i continui solleciti da parte di associazioni, comitati e cittadini, gli aspetti burocratici collocano la riapertura ancora in alto mare. 

Dal Municipio: "E' in essere un appalto per la progettazione"

A dare di notizie di quello che fu il centro culturale di via di Settecamini è Stefano Rosati, assessore alla scuola e alla cultura del parlmentino di via Tiburtina che raggiunto da Roma Today spiega: “E’ attualmente in essere un appalto per la progettazione dei lavori, in fase di aggiudicazione”. Quando questo passo sarà compiuto, se ne dovrà svolgere un altro: “Il bando per l’esecuzione dei lavori” dice Rosati. 

Prima la chiusura del centro culturale poi del centro sportivo

I tempi, burocratici e non, sono lunghi e i bambini del quartiere Settecamini così come le famiglie e gli anziani continuano a restare orfani di spazi di aggregazione. Nella primavera dello scorso anno, all’elenco di strutture off limits per i residenti anche il centro sportivo Valentina Caruso. “In questo quartiere finisce tutto in malora, siamo costretti a inventarci gli spazi per riunirci e discutere di progetti e problematiche – hanno spiegato dal comitato di quartiere Settecamini – siamo stati completamente abbandonati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dito puntato contro i lavori in piazza Santa Maria dell’Olivo

“Da qualche giorno sono iniziati i lavori in piazza Santa Maria dell’Olivo ma che senso ha installare nuovi giochi se nei parchi gli stessi giochi sono stati rimossi e mai più ripristinati? L’erba non viene tagliata e le nostre strutture marciscono per l’incuria dell’amministrazione a cinque stelle” hanno aggiunto dal comitato. “A Settecamini ci sono più urgenze da risolvere, la piazza non era una priorità, stiamo aspettando ancora notizie della caserma – concludono – queste opere? Solo spot elettorali”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento