rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Settecamini Settecamini / Via Casal Bianco

La Regione stanzia fondi per la videosorveglianza ma il Tiburtino non partecipa al bando

Al duro attacco del PD il municipio risponde con un piano B

Il bando sulla riqualificazione delle aeree degradate e la videosorveglianza è stato pubblicato sul sito della Regione Lazio lo scorso 25 luglio con scadenza il 15 settembre. Un avviso pubblico, dunque, rivolto a tutti i Comuni del Lazio per un importo totale di 1,95 mila euro. 

Il IV Municipio non ha partecipato al bando

Ogni municipio, quindi, nell’ambito di Roma Capitale, avrebbe avuto a disposizione dei fondi per l’installazione di telecamere a garanzia della sicurezza (tanto agognata dai residenti di molti se non tutti i quartieri del territorio) e per la riqualificazione delle aree degradate. Certo, avrebbe avuto se avesse partecipato. E’ questo il caso del Tiburtino: il Municipio IV non ha partecipato al bando della Regione Lazio restando di fatti escluso dalla possibilità di godere di una fetta di fondi. Immediato l’attacco del partito democratico: “In un territorio di frontiera, con i cittadini che chiedono da anni maggiore attenzione sul tema della sicurezza, il IV Municipio a guida 5 Stelle manca l'ennesimo obiettivo” ha denunciato Nicolò Corrado consigliere del Partito Democratico e presidente della commissione trasparenza del tiburtino. “Ho interrogato la presidente del Municipio in aula e lei mi ha risposto che l'Ufficio Tecnico se ne è accorto tardi ed ha lavorato su altre priorità". 

"La giunta Della Casa non potrà più dire di non avere fondi"

La sicurezza è da tempo un tema caldo qui al Tiburtino, i residenti continuano a chiedere un aumento delle forze dell’ordine e una maggiore tutela, soprattutto alla luce degli ultimi avvenimenti. “Ai cittadini, anche sulla sicurezza, il movimento 5 stelle risponde con un pugno di mosche, buttando dalla finestra i fondi stanziati dalla Regione – ha continuato Corrado – Un gravissimo passaggio a vuoto che dimostra per l'ennesima volta l'inadeguatezza a 5 Stelle e non consentirà più da ora in poi alla Giunta Della Casa di dire che non ci sono soldi". Corrado ha concluso: “Il governo grillino a 5 Stelle sul tema della sicurezza dimostra di volere essere cieco e spegne le possibili telecamere di cui si sarebbe potuto dotare il territorio grazie ai fondi della Regione Lazio”.

La replica della presidente del Municipio 

“Purtroppo siamo stati informati del bando a ridosso della scadenza. La questione non era mai stata affrontata ne’ in consiglio ne’ in commissione” ha spiegato a Roma Today Roberta Della Casa. In extremis un tentativo di partecipazione non riuscito: “Ci siamo immediatamente attivati ma l’accesso al bando prevedeva una serie di passaggi, abbiamo tentato ma non siamo rientrati nei termini”. I grillini del Tiburtino hanno però un asso nella manica: “In realtà era una possibilità ma non l’unica occasione infatti Roma Capitale finanzierà alcune postazioni e ne abbiamo proposta ben più di una – ha concluso la minisindaca - La partecipazione ad un bando può non andare a buon fine anche per chi ha partecipato ma il finanziamento comunale è invece concreto e non resteremo indietro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione stanzia fondi per la videosorveglianza ma il Tiburtino non partecipa al bando

RomaToday è in caricamento