menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di Umberto Tati

Foto di Umberto Tati

Scuola popolare San Basilio, non solo studio: assemblee di bambini per aumentare la loro responsabilità

La scuola è aperta dalle ore 17.00 alle ore 19.00. Tante le iniziativa in cantiere per questa terza edizione

È nata tre anni fa, in un box occupato tra i lotti di via Mechelli e via Gigliotti, nel cuore del quartiere. A San Basilio la scuola popolare riapre le porte ai bambini per fornire loro un supporto allo studio. A titolo completamente gratuito, un nutrito gruppo di volontari (ragazzi di San Basilio e dei quartieri vicini) mette a disposizione della collettività tempo e passione, con un unico obiettivo: quello di dare nuova vita a San Basilio, troppo spesso agli onori della cronaca. 

Aumentano i volontari alla scuola popolare di San Basilio

Quattro giorni a settimana, dalle 17.00 alle 19.00 Federico, Davide, Marta, Sara e altri giovani di San Basilio e non, aprono le porte della scuola popolare. Anzi, per inciso, alzano la serranda di quello che per anni (forse troppi) è stato un luogo abbandonato e che è tornato a nuova vita solo grazie alla loro volontà. “Da quest’anno il numero dei volontari è aumentato – ha raccontato Marta al nostro giornale mentre ancora all’interno del box, insieme a Davide, sta aiutando i bambini a svolgere gli ultimi compiti – Si sono aggiunte anche persone più grandi di noi, con loro c’è confronto”. 

Tra le novità: giochi di ruolo e assemblee dei bambini

Oltre allo studio, i bambini della scuola popolare un pomeriggio a settimana, il martedì, sono impegnati in piccoli giochi di gruppo grazie alla collaborazione di due educatrici che si occupano di teatro-terapia. “Attraverso i giochi di ruolo i bambini possono comprendere le varie dinamiche che ruotano intorno alla socialità e tirare fuori le loro emozioni” ha detto ancora Marta. Ma la vera novità di questa terza edizione è l’avvio, nelle prossime settimane, di un’assemblea per bambini il sabato pomeriggio: un’occasione per fare proposte, dare suggerimenti e iniziare a maturare una coscienza critica. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento