TiburtinoToday

Tiburtino: manifesti contro Della Casa dopo la nomina a delegata: “Ancora tu? Non dovevamo vederci più”

Sono stati affissi nella notte tra giovedì e venerdì tra le strade di alcuni dei quartieri del Municipio IV

Lo sguardo severo di Roberta Della Casa, ex minisindaca del Tiburtino e delegata della Raggi nello stesso municipio dopo la sfiducia dei suoi, è comparso su una serie di manifesti affissi tra le strade dei quartieri da Tiburtino III a San Basilio, passando per Casal Bertone e Casal Bruciato fino agli ingressi del municipio IV su via Tiburtina.

Questa l’azione messa in campo dagli attivisti della Rete Popolare Tiburtina, un movimento nato da qualche anno che raggruppa associazioni, comitati e realtà sindacali impegnate nel sociale, soprattutto in questa fase di emergenza post Covid-19. A titolare il manifesto la scritta “Ancora tu, ma non dovevamo vederci più”, tratta da una nota canzone di Lucio Battisti: sulla stessa immagine Della Casa viene raccontata come l’ex presidente che esce “dalla porta e rientra dalla finestra”. 

Abbiamo raggiunto gli attivisti della Rete Popolare Tiburtina a seguito dell’azione messa in campo nella notte tra giovedì e venerdì: “Il nostro è uno dei territori più disastrati di Roma ma per chi ci governa l’unica cosa che conta sono i giochi di potere e le poltrone” hanno spiegato ai nostri taccuini. “Le strategie politiche – hanno aggiunto – hanno pesato di più dei reali bisogni degli abitanti dei quartieri della tiburtina. lo hanno fatto i politici di destra, di sinistra e anche del movimento cinque stelle”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i bisogni non ascoltati, per gli attivisti della Rete Popolare Tiburtina, sono annoverati i “Problemi annosi mai risolti causati dall’inefficienza dell’amministrazione, oltre che la mancanza del diritto all’abitare, di case popolati”. Hanno concluso: “Un esempio di come l’inclusione non sia interesse della passata giunta è l’istituzione del mercato sociale dove gli alimenti vengono dati in cambio di lavoro gratuito, così si istituzionalizza la carità umiliando la dignità delle persone”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento