TiburtinoToday

San Basilio e le case del Comune senza manutenzione: "Paghiamo, ma facciamo tutto da soli"

Dalle infiltrazioni alle crepe, le case popolari di via Gigliotti e di via Mechelli nel quartiere San Basilio sono in uno stato di abbandono forte che crea disagi agli inquilini. Da anni

Insieme al bollettino con l'importo del canone mensile, ce n'è un altro, quello con gli oneri accessori, quello con cui gli inquilini pagano le spese di pulizia e manutenzione. Qui, però, tra via Gigliotti e via Mechelli nessun incaricato del Comune è mai venuto a fare manutenzione o pulizia. Siamo nelle case popolari di San Basilio dove gli inquilini si autotassano e provvedono da soli a rendere decorosi gli stabili in cui vivono, almeno alcuni, per quanto possibile.  

Infiltrazioni, muffa, crepe alle pareti, fogne otturate, calcinacci che cadono dai cornicioni, tubi marci e garage inutilizzabili perché senza uscite di emergenza. Massimo, Saro e Adua, vivono qui da sempre, dalla fine degli anni '80 e, eccezione fatta per i primi 5 o 6 anni, lo stato degli immobili è andato via via peggiorando. 

Nelle case di San Basilio

Ci hanno aperto le porte di casa loro, mostrando quali sono i disagi a cui quotidianamente vanno incontro. "Ho dovuto fare dei buchi alle pareti – ha spiegato Saro – perché tutto il soffitto perimetrale subisce le infiltrazioni che provengono dal terrazzo, si ammuffisce e diventa tutto nero, così almeno le pareti respirano". I muri hanno delle prese d'aria "fai da te" ma Saro ha dovuto anche spostare il lampadario perché le infiltrazioni hanno deteriorato e scorticato il soffitto: "Quando piove gocciola". Le pareti del pianerottolo che porta alle scale che conducono al terrazzo di via Gigliotti hanno le intercapedini lesionate: "Da questo punto escono anche gli scarafaggi". Il pavimento del terrazzo poi "non è a livello", quindi quando piove l'acqua non può arrivare allo scarico, così si blocca e fa peso sulle pareti sottostanti entrando negli appartamenti".

IL VIDEO - UNA VITA TRA ACQUA E FOGNE 

Caccia ai topi nei palazzi di San Basilio

Saro ha anche dato la caccia ai topi nell'androne del palazzo. "Le cantine le abbiamo pulite noi", ha raccontato e indicando i segni alle pareti ha aggiunto: "Quando si allagano l'acqua arriva fino a qui", oltre mezzo metro. Nello stesso stabile, a pian terreno c'è un appartamento abbandonato: "In questa casa 25 anni fa c'è stato un incendio a causa di una bombola, lo hanno recintato con del legno e da allora non hanno mai più toccato nulla". Le pareti sono ancora nere, la porta è rotta, potrebbe entrare chiunque. 

Crepe alle paretti e mura marce

Adua, invece, abita in via Mechelli a pochi metri da via Gigliotti, anche lei ci mostra le cantine, dove la pulizia la fanno da soli, nonostante abiti al primo piano, i soffiti sono ammuffiti e  all'esterno ci sono le crepe alla pareti. La parte alta della porta attraverso cui si accede ai garage è marcia, mancano pezzi di muro. Sia Adua che Saro, insieme ad altri inquilini, pagano delle quote mensili per fare pulire scale e manutenere giardini. "L'unica volta che viene qualcuno è quando si bloccano gli ascensori", commentano. "E' più facile che mi risponda il presidente del Consiglio che il Comune, ho telefonato centiania di volte", ha raccontato Adua. Corradino invece: "Inviamo segnalazioni, documentazione fotografica ma qui non si vede mai nessuno, mai".

Tre anni fa la caduta di calcinacci: il Comune mai intervenuto

Con noi anche Massimo Cipolloni del sindacato Asia Usb che ci mostra i cornicioni scorticati che cadono a pezzi: "Questa recizione è stata messa tre anni fa quando sono stati chiamati per segnalare la caduta di calcinacci, da tre anni sta ancora così e nessuno è venuto a riparare il muro". Scendiamo nei garage: "Ci sono sei posti macchina ma l'ambiente non è utilizzabile perché non ci sono uscite di emergenza, se scoppia un incendio si resta incastrati". Il Comune di Roma ha dimenticato le case popolari di San Basilio. 

via-gigliotti-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento