rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
San Basilio San Basilio / Via Girolamo Mechelli

San Basilio, ultimatum ai giostrai di via Grisolia: “Via entro il 30 giugno”

Nella mattina di martedì decine di macchine e agenti della Polizia locale di Roma Capitale in sopralluogo al campo

Decine le pattuglie degli agenti della Polizia locale di Roma Capitale che nella mattina di martedì hanno raggiunto il campo di via Grisolia a San Basilio. “Sono venuti per intimidirci - hanno detto alcuni abitanti dello spazio posto sotto sgombero dal Comune di Roma – Dovremmo lasciare le case entro il 30 giugno, l’area dovrà essere libera per i primi giorni di luglio. Ma dove andremo?”. Un’azione, quella del Campidoglio, che ha scosso anche gli attivisti del vicino Centro Popolare che hanno definito il blitz “un’azione muscolare e scenografica con 27 macchine di polizia, di cui molte in borghese”.

La comunità di giostrai (75 persone) vive in via Grisolia da oltre trent’anni, i bambini frequentano le scuole del quartiere: grandi e piccoli sono integrati nel tessuto sociale di San Basilio. Basti pensare, infatti, che alla notizia dello sgombero, diffusa a novembre dello scorso anno, decine di realtà sociali hanno scritto alla sindaca per chiedere un’alternativa. È stato anche sulla spinta di queste azioni che in Campidoglio è stato convocato un tavolo per trovare una soluzione allo sgombero. Ecco perché, ancora di più, il blitz degli agenti della Polizia locale ha spiazzato gli abitanti del campo e i residenti del quartiere.

“Le famiglie di via Grisolia hanno firmato un accordo per andare via il prossimo 30 giugno, è stato garantito loro che non avverrà nessuno sgombero prima di quella data – ha aggiunto Danilo Gneo di Opera nomadi – Ma è necessario trovare una soluzione, le famiglie non sanno dove altro andare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Basilio, ultimatum ai giostrai di via Grisolia: “Via entro il 30 giugno”

RomaToday è in caricamento