rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
San Basilio San Basilio / Via Luigi Gigliotti

Benvenuta Sofia! San Basilio accoglie la bimba ucraina fuggita dalla guerra

Ad aspettare la piccola alunna anche Claudia Pratelli, assessora alla Scuola di Roma Capitale

È stata accolta con mazzolini di fiori e saluti di benvenuto nella sua lingua madre la piccola Sofia, una bambina ucraina fuggita dalla guerra insieme alla sua mamma che da lunedì ha iniziato il percorso scolastico a San Basilio. Ad aspettarla per il suono della prima campanella all’istituto Gandhi anche l’assessora alla scuola del Comune di Roma, Claudia Pratelli che dalle sue pagine Facebook ha commentato: “Un messaggio di pace potentissimo che solo le scuole possono veicolare con tanta forza”.

Nei giorni scorsi, altre scuole di Roma hanno accolto piccoli profughi provenienti dalle zone di guerra. Valeria è arrivata alla scuola di ‘Porto romano’ lo scorso 20 marzo, qualche giorno più tardi anche Dana (nome di fantasia) è stata accolta a Labaro, presso la scuola di via Baccano. Ad aspettare Sofia a San Basilio, oltre i suoi compagni di classe, anche il minisindaco Massimiliano Umberti e l’assessora Giovanna Sammarco, delegata municipale ai servizi sociali.

“I suoi compagni di classe hanno imparato qualche parola di ucraino perché “per aiutarla a imparare la nostra lingua anche noi dobbiamo imparare un po’ della sua”. Il senso delle relazioni di reciprocità, accoglienza e solidarietà oggi stava nei sorrisi di quei bambini: di nuovo torna Maria Montessori, la scuola, proprio la scuola è il luogo naturale dove questo può e deve accadere” ha commentato ancora Pratelli.

Infine: “Un grazie speciale alla dirigente scolastica Maria Cristina Carnicella, a tutto il personale della scuola e all'assessora municipale alla scuola Annarita Leobruni. È questo il modo con cui Roma è e sarà in campo per supportare chi scappa dalla guerra” ha concluso l’assessora comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benvenuta Sofia! San Basilio accoglie la bimba ucraina fuggita dalla guerra

RomaToday è in caricamento