Giovedì, 29 Luglio 2021
Tiburtino Colli Aniene / Via del Frantoio

Tiburtino III, residenti in strada contro l'arrivo dei profughi in via del Frantoio

E' iniziato questa mattina il trasferimento degli ospiti della tendopoli allestita alla stazione Tiburtina. Sul posto gli abitanti del quartiere e un gruppo di attivisti di Casa Pound. Ingresso presidiato dalla polizia

Residenti in strada in via del Frantoio 44, al Tiburtino III, davanti al centro di accoglienza. Protestano contro il trasferimento di alcuni profughi ospitati presso la tendopoli di Tiburtina, in totale circa 80 persone. Al momento però, secondo quanto si apprende, sono state trasferite solo meno di venti persone, soprattutto donne e bambini. Sul posto ci sono una trentina di abitanti del quartiere e un gruppo di militanti dell'organizzazione di estrema destra Casa Pound. A presidio dell'ingresso del centro una decina di poliziotti e alcuni agenti della Digos. Sul posto anche la Croce Rossa. 

La voce dell'imminente trasferimento era circolata già nei giorni scorsi. All'inizio di ottobre infatti l'assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Roma aveva firmato un accordo per portare gli ospiti delle 15 tende a Tiburtina potessero nella struttura di via del Frantoio 44. Stamattina la notizia dei primi trasferimenti ha acceso gli animi dei residenti che hanno deciso di protestare. 

Contro la decisione dell'amministrazione, gli esponenti di Fdi-An Fabrizio Ghera capogruppo in Campidoglio, Gianni Ottaviano capogruppo nel Municipio IV, Roberto Santoro, Luca Scerbo e Matteo Mariani consiglieri municipali: "Dopo via del Frantoio, nel centro Sprar gestito dal 2001 dalle cooperative di Salvatore Buzzi oggi nell'inchiesta Mafia Capitale, sempre nel quartiere Tiburtino Terzo accade che oggi 100 immigrati vengano trasferiti nell'ex sede del V Gruppo di Polizia Locale, per l'occasione gestione dalla Croce Rossa, in un edificio peraltro confinante con la scuola materna ed elementare Fabio Filzi" scrivono un una nota. "Dopo Marino, si continua a distribuire a pioggia rifugiati in un territorio, come appunto il Tiburtino Terzo, sofferente per carenza di servizi e dove sono già presenti circa un altro centinaio di immigrati che alloggiano nel vecchio istituto delle suore in via del Frantoio" aggiungono. "E' una situazione inaccettabile, come Fdi-An siamo pronti a mobilitarci per impedire questo nuovo e assurdo trasferimento blitz ai danni dei residenti". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tiburtino III, residenti in strada contro l'arrivo dei profughi in via del Frantoio

RomaToday è in caricamento