menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di archivio

Immagine di archivio

Municipio IV: mancano le supplenti, i bambini tornano a casa

E' accaduto alla scuola "Cecchina Aguzzano" di Casal de' Pazzi. La Lista Marchini presenta un'interrogazione

Non solo mancano le insegnanti ma anche le supplenti e i bambini non entrano in classe. Siamo alla scuola materna “Cecchina-Aguzzano” di Casal de’ Pazzi dove, nelle scorse mattine, i genitori hanno dovuto riportare a casa i propri figli perché è stato consentito solo a 25 bambini di poter in classe, in base al rapporto previsto tra insegnanti e alunni. “E’ la prima volta che avviene quest’anno ma siamo preoccupati che la storia dell’anno scorso possa ripetersi” hanno spiegato i genitori al nostro giornale. Già perché lo scorso anno nei mesi tra gennaio e febbraio è successo non di rado che i bambini venissero lasciati a casa o addirittura che i genitori venissero chiamati prima della fine delle lezioni perché mancavano le insegnanti del pomeriggio. 

Disagi per bambini e genitori

“I disagi sono ovviamente notevoli per noi che accompagniamo i nostri figli a scuola prima di andare a lavoro e ci viene detto che non possono entrare – hanno aggiunto – Abbiamo ansia tutte le mattine, ormai”. Legittime le preoccupazioni dei genitori, sposate anche dalla Lista Marchini del Municipio IV che nei giorni scorsi ha presentato interrogazione all’assessorato alla scuola del parlamentino di via Tiburtina. “E’ impensabile che la mattina venga detto ai genitori che i bambini non potranno andare a scuola” ha detto ai nostri taccuini il capogruppo Giorgio Trabucco che ha annunciato battaglia. 

Dal municipio: "Verificheremo le coperture da adottare"

Abbiamo raggiunto l’assessore alla scuola del parlamentino di via Tiburtina: “Il lavoro degli uffici amministrativi è certosino e rispettivo delle normative, in questo caso (ad oggi l’unico ad avere difficoltà nel municipio) mi interfaccerò con gli uffici per capire dove sono le criticità e mi farò dare le motivazioni – ha detto Stefano Rosati – Infine con il direttore socio educativo e con il dipartimento verificheremo quali coperture si possono adottare per fronteggiare il problema”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento