menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di Fabio Grifalchi

Foto di Fabio Grifalchi

Operazione decoro a Casale Caletto: una task force per dare dignità al quartiere

Dalla pulizia delle strade alla potatura degli alberi: gli interventi per riportare il decoro a Casale Caletto

Operatori dell’Ama, uomini del Servizio Giardini e tecnici del Municipio. Una task force vera e propria quella che da alcuni giorni è in azione a Casale Caletto, un lembo di territorio ai margini del Quarto che da tempo, troppo, chiede attenzione e soluzioni. Dal diserbo allo sfalcio dell’erba, gli interventi di restyling a Casale Caletto proseguono a ritmo spedito. E altri saranno realizzati nei prossimi giorni. 

Dalle proteste dei cittadini alla mozione per l'annessione al V Municipio

Era lo scorso mese di novembre quando una rappresentanza cittadina ha partecipato all’assemblea municipale per portare all’attenzione delle istituzioni il degrado e l’abbandono con cui il quartiere è costretto a fare i conti da anni. Non solo, i cittadini si scontrano anche con l’assenza di luoghi di aggregazione e spazi dediti alle attività culturali. Alcuni giorni più tardi, dalla maggioranza a cinque stelle è stata presentata e votata la mozione per “distaccare” Casale Caletto dal municipio per annetterlo al V, per vicinanza territoriale e prossimità con gli uffici. 

Le operazioni per ripristinare il decoro

“Stiamo intervenendo con operazioni di sfalcio e di pulizia delle strade, degli spartitraffico e con la potatura degli alberi” ha detto al nostro giornale Fabio Grifalchi, assessore all’ambiente del parlamentino di via Tiburtina. Le vie interessate dal restyling sono via Jacopo della Quercia, via di Casale Caletto e via Dameda. “Con l’ufficio tecnico stiamo programmando interventi di messa in sicurezza, quindi segnaletica, sistemazione buche e pulizia dei bordi strada su via di Cervara – ha aggiunto - Con Ama stiamo lavorando per attuare un servizio sperimentale per la raccolta dei rifiuti poiché l’attuale sistema del porta a porta è risultato fallimentare, considerato che i cassonetti della raccolta sono stati spostati dalle pertinenze dei condomini su strada diventando delle mini discariche con rifiuti mischiati e quindi non funzionali per la raccolta differenziata”. 

Che ne sarà di Casale Caletto?

E’ ancora l’assessore Grifalchi a spiegare: “Le parti politiche dei due Municipi si sono espresse verso l’annessione al V con una Mozione – ha detto – Adesso spetta all'Assemblea Capitolina e agli Uffici Dipartimentali valutare la richiesta e darvi eventualmente seguito”. Per concludere: “Come Assessorato fin quando il quartiere sarà del IV Municipio ho il dovere e piacere di attuare quanto posso per riqualificarlo e manutenerlo al pari di tutti gli altri quartieri del Municipio”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento