menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colli Aniene: nuova baraccopoli a due anni dallo sgombero. I cittadini: “Vogliamo sicurezza”

Il timore dei residenti è che dall’area si sprigionino incendi come accaduto nel febbraio del 2019

A due anni dallo sgombero della baraccopoli di via del Flauto, un nuovo insediamento abusivo è sorto nell’area a ridosso della stazione Togliatti a Colli Aniene. Intanto, i residenti del quartiere chiedono sicurezza, scongiurando il ripetersi di un altro incendio come quello sprigionatosi nell’inverno del 2019. “Abbiamo scritto al Municipio, al Comune e alla Polizia Locale ma non abbiamo ottenuto nessun riscontro” hanno detto al nostro giornale.

Era il febbraio del 2019 quando, nell’area adiacente via del Flauto, sono arrivate le ruspe del Comune di Roma per abbattere le abitazioni di fortuna costruite nel tempo dagli occupanti. I caschi bianchi rasero al suolo 35 baracche e 6 tende, ponendo lo spazio sotto sequestro. Per i successivi due mesi, lo spazio è stato transennato dalla polizia locale ma nonostante questo dall’area è divampato un incendio che ha costretto gli abitanti a respirare fumi acri per giorni. Non solo a Colli Aniene, la coltre di fumo ha raggiunto anche Tor Sapienza, Tor Tre Teste, Alessandrino, Centocelle e il Collatino.

“È per evitare il ripetersi di questi fenomeni che abbiamo denunciato subito la presenza dell’accampamento circa un mese e mezzo fa – hanno spiegato i residenti a Roma Today – Ma nessuno è intervenuto. Inoltre non distante dal nuovo accampamento si è creata una nuova discarica. Ci sentiamo inascoltati e abbandonati”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento