TiburtinoToday

Tiburtino III: "Be Love", il murale che racconta l’accoglienza colora il quartiere 

Alla realizzazione dell'opera hanno partecipato anche i ragazzi ospiti del centro di accoglienza per minori stranieri non accompagnati

Foto di Tina Loiodice

Un muro grigio di cento metri quadri che in soli otto giorni è diventato il “colore” più bello del quartiere. Siamo a Tiburtino III, tra i posti più ai margini del municipio IV dove tra il grigio delle case popolari, delle vie parallele che quasi formano un labirinto, trovano spazio accoglienza, uguaglianza e fratellanza: non solo nei locali del centro di accoglienza per minori stranieri non accompagnati gestito dalla Caritas ma anche sul muro di cinta.

Be Love: i germogli dell'uguaglianza 

Un grande murale dal titolo “Be love” racconta messaggi di pace, di inclusione ma anche di integrazione e di uguaglianza. A volere la realizzazione dell’opera è stata proprio la Caritas per contrastare un clima spesso ostile nei confronti dell’accoglienza. E la missione, finalizzata a superare barriere, è stata affidata a Tina Loiodice, famosa street artist che a Roma ha firmato già molte altre opere come “La bimba pensante” a Santa Maria della Pietà, “La classe operaia va in Paradiso” a Pimavalle e le opere presso i locali della stazione metro San Giovanni. 

Dai bozzetti di studenti e stranieri, nasce il murale di Tiburtino III

“Abbiamo realizzato prima un laboratorio con i bambini del centro e con i ragazzi che frequentano il liceo artistico del quartiere per chiedere loro la realizzazione di un progetto, un disegno che rappresentasse secondo loro l’uguaglianza – ha raccontato ai nostri taccuini Loiodice – Poi giornate di studio per ricercare idee”. Cuori ma soprattutto radici profonde che lasciano crescere due ragazzi: una “bianca” e un “nero” come germogli di una nuova inclusione. Non a caso nell’opera sono state disegnate anche le rose che “Hanno un significato importante sia nella cristianità che nella religione musulmana e il rosso, colore molto presente nel disegno, riporta al concetto di carità ma anche di speranza e pace”. Alle due estremità del disegno due campi vuoti rappresentano, invece, il buio dove gli oblò lasciano intravedere i colori perché “Come diceva Bob Marley al buio ci sentiamo tutti uguali”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I ragazzi del centro hanno collaborato alla realizzzione dell'opera

Un episodio, più di tutti, ha reso singolare la realizzazione di “Be love” che l’artista ha raccontato: “Un giorno, quando ormai il murale stava per essere completato mi ha chiesto di vedere con entusiasmo “scavato” nell’asfalto, presente in strada da chissà quanto tempo: in quel momento ho capito che l’opera si stava identificando nel quartiere e viceversa”. Al lavoro hanno collaborato anche i ragazzi ospiti del centro. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento