Martedì, 22 Giugno 2021
Casal Bruciato Casal Bruciato / Via Diego Angeli

Casal Bruciato e i termosifoni a singhiozzo: le spiegazioni della presidente e le richieste dei cittadini

Della Casa: "La soluzione è definitiva" ma gli inquilini chiedono che i termosifoni siano accesi anche di mattina

I termosifoni sono accesi a giorni alterni e nelle case si gela. Sarà un’altra vigilia di Natale al freddo quella negli appartamenti del civico 145 di via Diego Angeli a Casal Bruciato? A fare chiarezza è la presidente del Municipio IV, Roberta Della Casa: “Nella mattina di lunedì ci è giunta la rassicurazione da parte del Dipartimento per la risoluzione definitiva del problema”. Freddo scongiurato quindi ma gli orari di accensione restano minimi e gli inquilini “insorgono”. 

Era lo scorso 3 dicembre quando tra la disperazione e la rabbia, gli inquilini delle case popolari di via Diego Angeli (nr. 140 – 145) sono scesi in strada e per qualche minuto hanno bloccato il traffico perché 130 famiglie vivevano al freddo (qui la protesta). Dopo la protesta la sistemazione della caldaia ma con ripristino parziale del funzionamento. Una novità? Non di certo: ogni anno negli alloggi di edilizia residenziale pubblica la storia si ripete a Casal Bruciato. E se la riparazione può consentire l’accensione dei termosifoni, il problema “freddo” resta sotto un altro punto di vista. 

“I termosifoni vengono accesi dalle 17 alle 21 circa – ha spiegato un’inquilina al nostro giornale – poche ore che non sono sufficienti a garantire il calore all’interno degli appartamenti”. Ha proseguito: “Qui ci vivono molti bambini, anziani e inquilini malati, occorrerebbe un monte ore maggiore e soprattutto accensioni anche di mattina”. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casal Bruciato e i termosifoni a singhiozzo: le spiegazioni della presidente e le richieste dei cittadini

RomaToday è in caricamento