Casal Bruciato Casal Bruciato / Via Giuseppe Donati

Casal Bruciato: con marchingegno artigianale svuotavano macchine cambiasoldi

L'apparato era in grado di interferire sull'elettronica delle macchinette "cambia soldi" installate nel bar, che elargivano monete

Due giovani sono stati arrestati con l'accusa di furto aggravato in via Giuseppe Donati a Casal Bruciato. I due alle 17.30 di ieri sono stati fermati da una volante: usciti da un bar, alla vista dell’auto della Polizia si sono nascosti dietro un auto, gettando a terra un oggetto da cui fuoriuscivano dei fili elettrici.

Insospettiti dall’atteggiamento dei due, che per altro non hanno saputo dare spiegazioni circa il possesso del “marchingegno”, i poliziotti hanno deciso di approfondire l’accertamento prendendo contatti anche con il gestore del bar da dove erano stati visti uscire.

Al termine delle verifiche, gli investigatori, hanno scoperto che poco prima, i due fermati erano stati protagonisti di una vincita alle “slot machine” presenti nel locale, per svariate centinaia di euro.

Altri accertamenti sul congegno trovato in possesso dei sospetti, hanno consentito di appurare che l’apparato era in grado di interferire sull’elettronica delle macchinette “cambia soldi” installate nel bar, che elargivano monete senza inserire alcuna banconota.
Controllati, i due stranieri di nazionalità Rumena, identificati per D.M. e G.L., entrambi trentenni, sono stati trovati in possesso di alcune centinaia di euro, di cui, 75 euro, in monete spicce.

Al termine dei riscontri, per i due, già conosciuti alle forze dell’ordine per fatti analoghi commessi in altre città italiane, sono scattate le manette.
Messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria dovranno rispondere del reato di furto aggravato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casal Bruciato: con marchingegno artigianale svuotavano macchine cambiasoldi

RomaToday è in caricamento