TiburtinoToday

Coronavirus, la solidarietà di Potere al Popolo passa da Casal Bruciato: “Situazione critica”

Dalla spesa solidale, alla consegna a domicilio per gli anziani e l'istituzione del telefono rosso

via Casal Bruciato - Immagine di archivio

Dobbiamo supplire con la solidarietà alle carenze delle Stato, la situazione sta diventando molto critica nei quartieri popolari di Roma, come Casal Bruciato” ha detto un’attivista della Casa del popolo di via Satta da giorni impegnati in gesti di solidarietà in favore di cittadini del quartiere e degli altri a ridosso della via Tiburtina e del resto della città per arginare, laddove possibile, la crisi economica che sta stringendo in una morsa migliaia di famiglia. 

La consegna della spesa a domicilio, i pacchi alimentari gratuiti, la raccolta fondi che in soli tre giorni ha raccolto circa 2mila euro (necessaria alla spesa solidale, il cui rendiconto è sarà pubblico) e l’assistenza nella compilazione della domanda per il buono spesa. Non solo, l’attivazione del “Telefono rosso” (a Roma come nel resto del Paese), che raccoglie segnalazioni relative a irregolarità o violazioni dei diritti nel mondo del lavoro e fornisce gratuitamente supporto legale a distanza, sono le azioni messe in campo dagli attivisti di Pap nei quartieri della periferia romana. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gesti di supporto e assistenza ma anche gesti di denuncia: “I buoni spesa del Comune non sono ancora stati consegnati, e, probabilmente non basteranno per tutti: i 23 milioni stanziati, che possono sembrare molti, coprono le necessità alimentari di appena 60.000 famiglie come Potere al Popolo abbiamo protocollato un’istanza al Comune di Roma per richiedere la trasparenza e un controllo sui fondi per i buoni spesa, che ci sembrano insufficienti per la platea di cittadini in difficoltà” ha concluso l'attivista. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento