TiburtinoToday

Casal Bruciato: l’antenna Iliad in via Sandri non verrà installata

Lo "stop" durante l'ultima commissione ambiente. Il comitato popolare Casal Bruciato ha avviato anche una petizione per fermare l'installazione

Immagine di archivio

L’antenna in via Sandro Sandri a Casal Bruciato non verrà installato. Bloccato dunque il procedimento che avrebbe dato il via alla collocazione di una stazione radio base richiesta dalla società telefonica Iliad in uno dei quartieri del IV Municipio. A manifestare dissenso in queste settimane sono stati non solo i cittadini ma anche le parti politiche del Tiburtino: “Condanniamo la loro installazione nei centri popolati” aveva detto al nostro giornale il capogruppo dem Massimiliano Umberti. 

La raccolta firme e lo “stop” in commissione ambiente

Immediata la reazione dei cittadini di Casal Bruciato alla notizia dell’installazione di un’antenna all’interno del quartiere. Il comitato popolare Casal Bruciato ha anche avviato una raccolta firme che ha ottenuto centinaia di sottoscrizioni convocando poi un’assemblea pubblica per il pomeriggio di giovedì 17 ottobre in piazza Balsamo Crivelli (ore 16.30) perché nonostante gli sviluppi avvenuti in commissione ambiente, aspettano la conferma ufficiale del blocco da parte del Comune. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La zona è un "sito sensibile" perché vicino a scuole e case 

“L’ufficio tecnico, come richiesto dalla Commissione, ha mandato comunicazione al Dipartimento PAU e ILIAD che la richiesta di installazione è in violazione dell’art 4 della D.A.C. n.26/2015 in quanto la scuola è un “sito sensibile” quindi non potrà essere effettuata alcuna installazione” ha detto Claudia Nastrucci, presidente della commissione ambiente. Intanto il PD che nei giorni scorsi ha presentato un’interrogazione all’assessore municipale di competenza “Che ha dimostrato di non essere minimamente a conoscenza della cosa” - ha detto Umberti, chiede con forza che che la Raggi si assuma la responsabilità di realizzare un Piano di localizzazione settoriale, ovvero di uno strumento urbanistico che definisca la mappa delle aree ritenute idonee o inibite alla collocazione degli impianti di telefonia mobile. “Ringrazio tutti i consiglieri della commissione, se fosse stato per questa Giunta assente l'antenna sarebbe già stata installata” ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento