rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
San Giovanni San Giovanni / Via Nola

San Giovanni, addio allo Scup: sgomberato lo spazio occupato di via Nola

A due anni di distanza, torna ad essere sgomberato lo Scup, scuola e palestra popolare di San Giovanni. Critiche per un'operazione che SEL definisce "una demenziale esibizione muscolare"

L’incubo di un secondo sgombero, alla fine si è concretizzato. A poco sono valse le  numerose iniziative dei tanti frequentatori della "biblioteca e palestra popolare "di via Nola 5. A poco sono servite le proteste e gli attestati di solidarietà, incassati anche da esponenti istituzionali. Questa mattina, le forze dell’ordine, si sono fatte trovare ai cancelli della struttura occupata, ed hanno posto fine all’esperienza di SCuP.

IL RACCONTO - “Un elicottero, blindati da tutte le parti, ruspe in azione: questo e' il desolante scenario che sta accompagnando lo sgombero dello spazio occupato SCUP a San Giovanni . Una demenziale esibizione muscolare, dal valore tutto simbolico e politico, che parla di quello che si sta preparando nel rapporto tra lotte, conflitti e repressione in questo Paese” ha commentato a caldo, dalla propria pagina facebook, il coordinatore regionale di SEL Giancarlo Torricelli.

IL SOSTEGNO ISTITUZIONALE - Solidarietà è stata espressa anche dal capogruppo capitolino di Sinistra Ecologia e Libertà. "A Roma la situazione è insostenibile. È in atto un'aggressione quotidiana agli spazi sociali, culturali e di aggregazione della nostra città. Roma oggi è ancora più povera. Sono troppi i centri sociali e gli spazi culturali e di mutualismo sotto attacco – ha osservato Giancluca Peciola in una nota –  Scup da quasi tre anni è un contenitore di attività sportive, spazi culturali e sociali, e punto di riferimento per i cittadini del quartiere. È uno spazio, che è rimasto abbandonato per quasi dieci anni e che nel 2012 è stato sottratto alla speculazione e trasformato in un luogo prezioso che la nostra città non può permettersi di perdere. Sosteniamo gli attivisti di Scup, a cui va tutta la solidarietà del Gruppo Sel dell'Assemblea capitolina".

TRE ANNI DI OCCUPAZIONE - Il primo sgombero dello Scup, risale al gennaio del 2013. In quell’occasione venne posta fine ad un’esperienza di occupazione durata otto mesi, e ripresa nemmeno due settimane più tardi. Da allora, in occasione dell’arrivo dell’ufficiale giudiziario, gli attivisti dello Scuola e palestra popolare di via Nola, avevano chiamato a raccolta i tanti frequentatori organizzando iniziative molto partecipate cui erano seguiti, spesso, attestati di solidarietà da parte delle istituzioni locali e capitoline. Al suo interno, di recente, era stata ospitata anche una commissione straordinaria di Roma Capitale, nel corso della quale si erano affrontati alcuni nodi legati al destino della struttura. L’interessamento del Municipio e del Campidoglio, non è però stato sufficiente a sventare lo spetto di uno sgombero che, nella mattinata, si è definitivamente concretizzato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Giovanni, addio allo Scup: sgomberato lo spazio occupato di via Nola

RomaToday è in caricamento