rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
San Giovanni San Giovanni / Via Appia Nuova, 124

Moria di uccelli a San Giovanni: trovati decine di storni morti

Rinvenute le carcasse in uno spartitraffico sull’Appia Nuova. Inoltrata la segnalazione a Comune ed ufficio veterinario Asl

Ancora una moria di volatili. Questa volta, le carcasse, sono state rinvenute in una delle strade più trafficate della capitale.

La testimonianza

“Abbiamo constatato una moria di storni, lo scorso 17 gennaio, in via Appia Nuova all’altezza del civico 124.  Una ventina di storni morti erano a terra sullo spartitraffico adibito a parcheggio, in un raggio di pochi metri, alcuni schiacciati dalle auto” ha reso noto Rita Corboli, delegata dell’ Oipa, l'organizzazione internazionale protezione animali di Roma, che ha spiegato di aver informato dell'accaduto l'ufficio veterinario della Asl Rm3 e l'ufficio benessere animali  di Roma Capitale.

I precedenti

La moria di storni non rappresenta una novità per la città. Il caso più eclatante si è verificato nella notte tra il 31 dicembre 2020 ed il primo gennaio 2021. In quella circostanza centinaia di esemplari sono stati rinvenuti a terra nel tratto finale di via Cavour, verso la stazione Termini, ed anche in via dei Fori Imperiali, in via Nazionale e piazza Esedra. Più di recenti degli storni morti sono stati filmati in via Cornelio Celso, ad un centinaio di metri da villa Torlonia.

Cosa causa la morte

Sui decessi degli esemplari, già a seguito dell'episodio accorso nel capodanno del 2021, la Lipu ha fornito una spiegazione. Secondo l'associazione ecologista “nell’avifauna selvatica un botto causa uno spavento tale che può provocare la morte per infarto oppure può indurre il volatile a fuggire dai dormitori costituiti da alberi e siepi“. Terrorizzati dall'improvviso rumore, gli uccelli si mettono in volo e, facendolo di notte, “possono finire per impattare contro muri o cavi elettrici“, trovando la morte. 

Due episodi in un mese

La moria di storni di via Appia Nuova non l'unica che si è verificata, nel corso dell'ultimo mese. La delegata romana dell'Oipa ha infatti reso noto che “un fenomeno analogo lo abbiamo registrato in via Etruria lo scorso 26 dicembre”. Due episodi in un mese, quindi. Ed a poca distanza, nella zona compresa tra San Giovanni e l'Appio Latino. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moria di uccelli a San Giovanni: trovati decine di storni morti

RomaToday è in caricamento